Rimini: Turismo e food, approvato l’accordo di collaborazione con Comune di Bologna, Fondazione Fico e Eatalyworld

“Il progetto Fico è la conferma del ruolo di leader dell’Italia nel campo dell’alimentazione e del cibo” sottolinea il sindaco Andrea Gnassi

_palazzo-del-municipio-riminiRIMINI – Rimini stringe una partnership con Bologna e il Progetto Fico per la valorizzazione del patrimonio culturale e delle eccellenze enogastronomiche della via Emilia. Nell’ultima seduta la Giunta comunale ha approvato uno schema di accordo di collaborazione tra Comune di Rimini, Comune di Bologna, Fondazione FICO e Eatalyworld “per la valorizzazione e la promozione del territorio e della cultura ad esso collegata”.

Obiettivo dell’accordo è quello di sviluppare in maniera congiunta una serie di iniziative di promozione turistica su ambiti prioritari, a partire dal cibo, oltre al cinema, la musica, l’arte, il benessere, seguendo le vocazioni del territorio.

Il “Progetto FICO” nasce per la creazione all’interno del Centro Agro-Alimentare di Bologna di un complesso – il Fico Eataly World, che inaugurerà ad ottobre – nel quale saranno condensate le eccellenze dell’enogastronomia italiana in un rapporto diretto di produzione, commercializzazione e somministrazione. Un progetto che ha una valenza che esula dai confini del capoluogo felsineo: il progetto FICO infatti rappresenta un’occasione importante per lo sviluppo di relazioni e rapporti non solo di natura economico–commerciale, ma utili anche all’attivazione di collaborazioni di valore culturale ed educativo.

Per questo progetto i promotori (Eatalyworld e Fondazione FICO, fondazione che si occupa di promuovere modelli di produzione agricola sostenibili, l’educazione alimentare e il consumo consapevole con particolare riferimento alla cultura italiana) hanno chiesto la collaborazione anche dei Comuni di Rimini e Bologna, una partnership considerata strategica per realizzare attività di alta qualità e di grande impatto sui temi di interesse pubblico. L’accordo, che non prevede esborsi economici da parte dell’Amministrazione Comunale, avrà validità fino al 31 dicembre 2019 e prevede la definizione di un piano di attività di promozione turistica redatto su base annuale.

“Il progetto Fico è la conferma del ruolo di leader dell’Italia nel campo dell’alimentazione e del cibo e della centralità della via Emilia nel settore del turismo enogastronomico – sottolinea il sindaco Andrea Gnassi – Questo progetto inoltre testimonia come attraverso sinergie e politiche di promozione turistica di sistema, lasciando alle spalle campanili e individualismi, sia possibile puntare a conquistare il mercato internazionale. FICO nasce a Bologna, ma è un progetto che ha un enorme potenziale per Rimini, dove già da tempo abbiamo iniziato a investire sul food, sulla cultura e sulla filiera del cibo. Non a caso siamo la prima città a sottoscrivere un accordo con FICO, protocollo che servirà a delineare azioni di collaborazione e promo commercializzazione e predisporre pacchetti turistici comuni, anche attraverso un indispensabile rafforzamento dei collegamenti tra Bologna e la riviera. Il nostro territorio può rappresentare la piattaforma di soggiorno per i milioni di potenziali visitatori, soprattutto stranieri, che nel prossimo futuro visiteranno FICO”.