Questa sera lo Stabat Mater di Rossini a Piacenza

Venerdì 12 maggio, alle ore 21, la partitura tra le più amate del genio rossiniano chiude la Stagione Concertistica della Fondazione Teatri al Teatro Municipale

MicheleMariotti2PIACENZA – Sarà lo Stabat Mater, partitura tra le più amate del genio rossiniano, a concludere la Stagione Concertistica della Fondazione Teatri di Piacenza, venerdì 12 maggio alle ore 21 al Teatro Municipale.

Diretti dalla bacchetta di Michele Mariotti, fresco vincitore del Premio Abbiati, la Filarmonica Toscanini e il Coro del Teatro Municipale di Piacenza preparato da Corrado Casati si uniranno a quattro solisti di assoluto prestigio, il soprano Yolanda Ayuanet, il mezzosoprano Sonia Ganassi, il tenore Antonino Siragusa e il basso Michele Pertusi.

Lo Stabat Mater di Gioachino Rossini, sequenza liturgica in musica per soli, coro e orchestra, scritto su invito del prelato spagnolo don Manuel Fernández Varela, venne eseguito per la prima volta a Parigi nel 1842, ma presto risuonò anche in Italia (a Bologna, sotto la guida di Donizetti) per entrare in seguito nel repertorio dei più noti cantanti.

A dirigere le luminose pagine del compositore pesarese sarà un applaudito esperto del repertorio rossiniano, nonché una delle più interessanti, giovani bacchette italiane del momento: Michele Mariotti.

Direttore Musicale del Teatro Comunale di Bologna dal 2014, ha diretto nei principali Teatri d’opera italiani ed internazionali fra cui La Scala di Milano, il Regio di Torino, il San Carlo di Napoli, il Massimo di Palermo, il Comunale di Firenze, al Rossini Opera Festival di Pesaro, al Festival Verdi di Parma, lo Sferisterio di Macerata, il Metropolitan di New York, l’Opera House Covent Garden di Londra, l’Opéra di Parigi, la Lyric Opera di Chicago, l’Opera di Los Angeles, al Festival di Wexford e all’Opera di Wallonie, tra gli altri.

In ambito sinfonico ha diretto l’Orchestra del Gewandhaus di Lipsia, l’Orchestre National de France, i Münchner Symphoniker, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, la Toscanini di Parma, I Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra dell’Accademia del Teatro alla Scala, la Essener Philharmoniker, l’Orchestra Haydn, all’Auditorium del Lingotto di Torino, al Festival di Perelada, al Liceu di Barcellona, al Teatro Real di Madrid, al Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, al Festival di Radio France a Montpellier e al Festival de Saint Denis.

L’Associazione Nazionale Critici Musicali gli ha recentemente assegnato il 36° Premio Abbiati come Miglior Direttore d’Orchestra del 2016.

A coronamento di una stagione dominata da grandi Orchestre e dalla presenza delle voci più affezionate al nostro Teatro, arriveranno sul palcoscenico del Municipale quattro solisti d’eccezione: il soprano Yolanda Auyanet, acclamata in importanti Teatri in Italia e all’estero; Sonia Ganassi, tra i maggiori mezzosoprani della sua generazione; il tenore Antonino Siragusa, raffinato interprete rossiniano con una carriera internazionale che l’ha condotto su importanti palcoscenici, e il basso Michele Pertusi, riconosciuto come uno dei maggiori interpreti contemporanei delle opere di Gioachino Rossini, vincitore del Grammy Award nel 2006.

La Filarmonica Arturo Toscanini, che ha la sua sede a Parma, nell’Auditorium Paganini disegnato da Renzo Piano, è il punto d’eccellenza dell’attività produttiva della Fondazione Arturo Toscanini, maturata sul piano artistico nella più che trentennale esperienza dell’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna e nell’antica tradizione musicale che affonda le proprie radici storiche nell’Orchestra Ducale riordinata a Parma da Niccolò Paganini nel 1835/36.

Oggi una delle più importanti orchestre sinfoniche italiane, la Filarmonica si è esibita sotto la guida di direttori del calibro di Charles Dutoit, Eliahu Inbal, Lawrence Foster, Rafael Fruhbeck de Burgos, Gianluigi Gelmetti, Michail Jurowski, Dmitrij Kitajenko, Yoel Levi, Lorin Maazel, Kurt Masur, Zubin Mehta, Georges Prêtre, Mstislav Rostropovich, Jeffrey Tate e Yuri Temirkanov.

Consensi entusiastici di pubblico e critica hanno salutato debutti e ritorni nelle maggiori sale da concerti di tutto il mondo in città quali Washington, New York, Parigi, Madrid, Barcellona, Amburgo, Mosca, Lucerna, Budapest, Bucarest, Varsavia, Gerusalemme, Tel Aviv, Tokyo, Pechino.

Venerdì 12 maggio alle 21
lo Stabat Mater di Rossini
chiude la Stagione Concertistica della Fondazione Teatri di Piacenza
Michele Mariotti dirige la Filarmonica Toscanini
e il Coro del Teatro Municipale di Piacenza
Solisti d’eccezione Yolanda Auyanet, Sonia Ganassi
Antonino Siragusa, Michele Pertusi

Per informazioni e biglietti: Biglietteria del Teatro Municipale di Piacenza, via Verdi 41
tel. 0523.492251 – fax 0523.320365 biglietteria@teatripiacenza.it. – www.teatripiacenza.it