Anticipazioni sull’Estate modenese tra città e giardini

comune di Modena logoLa conferenza stampa per la presentazione del programma completo è prevista per l’8 giugno. Tanti appuntamenti in centro, parchi, Estatoff e Giardini Ducali, dove la programmazione è stata affidata a Studio’s con un bando. Scelte con un bando anche le altre iniziative

MODENA – Anticipata da appuntamenti già dai primi di giugno, ma con inizio ufficiale il 21, come da tradizione e da calendario delle stagioni, ritorna l’Estate modenese organizzata e promossa dal Comune, con il sostegno di Fondazione Cassa di risparmio di Modena e Gruppo Hera. Tante iniziative fino a fine agosto per vivere il centro e i parchi dei quartieri, che si aggiungono ai film al Supercinema Estivo.

Le iniziative in calendario per l’estate 2016 sono l’esito di due bandi pubblici: con uno si invitavano le associazioni culturali a fare proposte per rassegne continuative destinate ad animare spazi o per singole iniziative; con l’altro si selezionava il soggetto con il migliore progetto per animare i Giardini Ducali. Le proposte presentate per il primo avviso pubblico (budget di 65mila euro) sono state 28. Delle 15 per rassegne, in 11 hanno ottenuto contributi da un minimo di 1.491 euro a un massimo di 9.907, in base al meccanismo che assegnava un punteggio secondo precisi criteri di valutazione: valenza sociale; fare rete; qualità; sostenibilità economica e organizzazione. Si tratta di Teatro dei Venti, Loving Amendola, L’ape parco Ferrari, Left enjoy the park, Salotto Aggazzotti, Acli provinciale, Estatoff, Planetario, Amici del jazz, Artisti Drama e Italico splendore. Contributi, da un minimo di 400 euro a un massimo di 2.500 anche per 5 proposte su 13 per eventi mirati e specifici. Sono stati assegnati a Arci – Paff (Pensiero a fumetti festival), La Piattaforma Giardinner, Same Same travels, Banda cittadina e Avanzi di Balera.

Per la programmazione dell’Estate ai Giardini, per la quale sono state presentate tre proposte, è stata scelta quella dell’agenzia Studio’s. Anche in questo caso a ciascuna proposta è stato assegnato dalla commissione un punteggio totale, risultante dai punteggi ottenuti per i singoli criteri di valutazione: livello qualitativo dei contenuti artistici e culturali; numero delle serate; rete dei soggetti promotori; valenza sociale e offerta economica a scendere dai 115.000 euro, iva inclusa, previsti come budget dal bando. La struttura della proposta vincitrice prevede appuntamenti nei fine settimana di giugno, luglio e agosto, ed è basata al sabato su incontri con autori alle 18.30, seguiti alle 21 da reading, musica e spettacoli con protagonisti della scena nazionale, insieme con una proposta di street food: “Pan in Mo” a cura di Caffè Concerto; alla domenica mattina largo ai bambini da zero a 10 anni con animazioni e laboratori della “Bottega di Merlino”. Possono aggiungersi a quelli di sabato e domenica anche altri appuntamenti infrasettimanali. L’Estate ai Giardini si apre, infatti, martedì 21 giugno con il concerto di Ramin Bahrami che con il pianoforte “racconterà” il genio di Bach, mentre il 22 il palco sarà di “Gimme Shelter. Il festival che racconta i rifugiati” con la partecipazione, tra gli altri dello psicoanalista Massimo Recalcati. Il 25 giugno Festa della Musica con sei band e artisti emergenti che dalle 21 alle 24 si alternano in un omaggio a David Bowie, trasformando i Giardini Ducali in “Giardini del Duca Bianco” L’8 e il 9 luglio c’è Giardinner con informazione e divertimento, musica, stand gastronomici e mercatini di designer. Il programma dei Giardini, dove la Palazzina ospita una mostra di Street art, prosegue fino al 27 agosto, data del Gospel Festival, e comprende il 14 agosto con Beppe Zagaglia a tener banco assieme ai suoi amici con i loro aneddoti intrisi di modenesità.

Nell’Estate, oltre ai Giardini, piazza XX settembre e piazza Roma, tante iniziative in centro, nei parchi e in altri spazi urbani. Già il 25 giugno, seconda giornata della Festa della Musica a Modena, il cuore della città sarà costellato di palchi e invaso da suoni e ritmi di ogni tipo dalle 18, con gran finale dalle 20.30 alle 24 ai Giardini. In via Morandi, torna EstatOFF con musica live tra artisti di livello (l’8 giugno Motta, il 15 I tre allegri ragazzi morti, il 23 Ghemon) e band emergenti, oltre a teatro (il 29 giugno Sabina Guzzanti) e serate con dj. L’11 e il 12 giugno Burattini ai Giardini. Per “Estate al Tempio” 33 serate dall’8 giugno al 27 agosto. Al Parco Ferrari, nell’area del Millybar in giugno torna il “Modena Blues Festival”. Poi, fino al 27 agosto, musica dal vivo e ballo, tra swing, boogie, rock&roll, e a cura del Left-Vibra “Enjoy the park”. Al Parco Amendola “Loving” dal 1 giugno al 31 agosto, con il Modena Buskers Festival dal 30 giugno al 3 luglio. Tra giugno e luglio “BaRocK Street Sound. Il Barocco è di strada”, serate di musica colta in largo San Barnaba. Al Planetario incontri con osservazione del cielo in terrazza.

Cittadini stranieri e rifugiati come guide turistiche raccontano la città attraverso i loro occhi in “Free Walking Tour Modena: sguardi diversi per una stessa città” a cura di Same Same Travel in collaborazione con Caleidos.

Dal 26 giugno al 2 agosto, programmazione integrata per Teatro dei Venti e “Fusorari”. Negli spazi in cui operano le due realtà (via S. Giovanni Bosco e piazzale Torti) la rassegna “La via dei colori” propone spettacoli tra teatro, musica cucina e moda.