Mobilità e trasporto pubblico, intesa tra Comune di Bologna, Tper e sindacati

Niente sciopero sabato 14 gennaio. Più verde ai semafori per velocizzare i bus; pacchetto di azioni su viabilità; via Saffi, si cambia

torre degli asinelli bolognaBOLOGNA – Fumata bianca all’incontro che si è tenuto ieri pomeriggio tra il settore Mobilità del Comune di Bologna, Tper Spa e organizzazioni sindacali di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl Autoferrotranvieri. Le parti hanno firmato un verbale di incontro in seguito al quale le organizzazioni sindacali hanno sospeso lo sciopero programmato per il prossimo sabato 14 gennaio. Durante l’incontro il Comune ha confermato la volontà di proseguire positivamente il confronto avviato in questi mesi, evidenziando le misure già adottate per il miglioramento della situazione della viabilità nella zona di via Irnerio in occasione dei giorni di T Days e l’impegno ad attivare azioni diffuse per migliorare la regolarità del servizio di trasporto pubblico. Le azioni prevedono anche interventi specifici sulla viabilità in alcuni dei punti compresi nella mappa delle criticità condivisa con Tper e organizzazioni sindacali.
Alcune delle azioni cominceranno a essere sperimentate già dal mese di febbraio. Una riguarda gli impianti semaforici e prevede il potenziamento della preferenziazione semaforica già presente e oggetto di recente di un’implementazione tecnologica. L’affinamento della tecnologia aumenterà l’efficacia del sistema che sostanzialmente consente agli autobus di avere più spesso la luce verde del semaforo, aumentando così la velocità dei transiti. In particolare per tutto il mese di febbraio, il sistema farà scattare il verde per tutti i mezzi della linea 13, sia in orario che in ritardo, per tutto il percorso della linea (a eccezione delle intersezioni con i viali). La preferenziazione semaforica potenziata sarà sperimentata a febbraio anche per tutte le altre linee dei bus, ma solo se sono in ritardo. Un’altra azione partirà nel mese di febbraio e riguarda l’intensificazione dei controlli relativi ai comportamenti impropri degli automobilisti, in particolare di coloro che sostano irregolarmente rallentando le corse dei bus. Saranno intensificati i passaggi di Scout e saranno più serrati i controlli degli accertatori e della Polizia Municipale nelle seguenti vie: Massarenti (tra via Bentivogli e Porta San Vitale); Murri (da Porta Santo Stefano a Chiesa Nuova); Andrea Costa (tra via Crocetta e via Audinot); Saragozza (dalla Porta a via Guidotti); Saffi (da via Malvasia a via del Timavo); Emilia Ponente (da Berretta Rossa a via del Timavo); Zanardi (da Porta Lame a via Bovi Campeggi, in entrambi i sensi di marcia); Carracci (tratto adiacente alla Stazione); Piazza Cavour; Lame (tra le vie Marconi e Riva Reno); Piazza di Porta Ravegnana.
Il secondo pacchetto di interventi sarà attuato entro la primavera del 2017 e prevede, tra l’altro, l’ampliamento del sagrato della chiesa di San Paolo (via Carbonesi/via Collegio di Spagna), previa autorizzazione della Soprintendenza, con la creazione di un golfo che blocchi fisicamente la sosta dei mezzi adibiti al carico/scarico sia verso Collegio di Spagna che verso via Tagliapietre, e l’eliminazione di un fittone per favorire la svolta dei bus tra Carbonesi e via Tagliapietre. Un golfo verrà creato anche tra le vie Mascagni e Ghirardini per impedire la sosta impropria nell’intersezione: qui verrà istituito anche un attraversamento pedonale e verranno spostati i cassonetti dei rifiuti. Un altro intervento riguarda via Frassinago: per impedire la sosta selvaggia nel tratto più stretto della via (in corrispondenza del civico 15) saranno installate delle rastrelliere per la sosta delle bici. Ancora, nella zona della Stazione, saranno posizionati dei fittoni sul marciapiede del lato nord di viale Pietramellara, tra via Matteotti e piazzale Medaglie d’Oro, anche qui per impedire la sosta e consentire il transito dei bus sulla corsia preferenziale senza impedimenti.
L’ultimo intervento, che sarà realizzato entro l’estate prossima, riguarda via Emilia Ponente e via Saffi: per chi procede in direzione centro, all’altezza dell’Ospedale Maggiore, sarà eliminata la svolta a sinistra da via Emilia Ponente verso Largo Nigrisoli, mentre per chi procede in direzione periferia, sarà eliminata la fase semaforica dedicata alla svolta a sinistra in via Bainsizza. Sarà inoltre creato un nuovo capolinea della linea 38 per velocizzare il ritorno sulla via Emilia in direzione centro e sarà realizzata una nuova corsia di manovra all’intersezione con via Malvasia. Infine saranno eliminati i cassonetti dei rifiuti sulla preferenziale di via Saffi all’intersezione con via San Pio V.
Le parti hanno condiviso di incontrarsi nuovamente il prossimo 14 febbraio insieme all’assessore comunale alle politiche per la mobilità, Irene Priolo, per proseguire il confronto e verificare gli interventi definiti.

CONDIVIDI