Categorie: EventiFerraraNotizie in Provincia

Incontro dirigenza nuova Carife e sindaci in Castello Estense

FERRARA – Presidente e amministratore delegato della nuova Carife, Roberto Nicastro e Giovanni Capitanio, hanno incontrato i sindaci dei Comuni della provincia di Ferrara in Castello Estense.
L’incontro, convocato e coordinato dal presidente della Provincia Tiziano Tagliani, è stato aperto da Roberto Nicastro che ha tracciato il quadro della situazione.

“Con il decreto Salva banche sono entrati in nuova Carife 624 milioni”, ha esordito il presidente parlando di uno stato patrimoniale solido.
Più critico lo stato di redditività della banca, che presenta ancora un rapporto squilibrato tra costi e ricavi, dovuto sia a ragioni di tipo strutturale (tassi di mercato negativi), sia specifiche della banca.

“Se da un lato c’è il problema grave degli obbligazionisti subordinati – ha proseguito – dall’altro abbiamo il dovere di farci carico anche del problema dei dipendenti e degli altri portatori d’interesse”. Sullo sfondo ci sono i tempi stretti dettati dall’Unione europea: praticamente la metà rispetto a quelli normalmente usati per la cessione di una banca. Tema sul quale, peraltro, è in corso un confronto con Bruxelles per avere maggiori margini.

“Grazie alla risoluzione e alla successiva cessione si è evitata una ben più traumatica liquidazione”, dice Nicastro.
“A questo punto – ha puntualizzato – è utile porsi in un corretto posizionamento delle aspettative, dopo le delusioni degli anni scorsi e per evitarne altre”.

Fra i punti del corretto posizionamento, una cessione in grado di portare sicurezza ai portatori d’interesse (i clienti) e la celere preparazione delle carte per i risparmiatori per agevolare al massimo le operazioni d’indennizzo. Capitolo che, da solo, vale 100 milioni, di fronte allo scenario giudiziario destinato a chiedere conto delle varie responsabilità che negli anni hanno contribuito a produrre il dissesto di Carife.
Sui tempi della vendita è stato ipotizzato il traguardo entro l’estate prossima.
È poi toccato all’amministratore delegato, Giovanni Capitanio, riassumere le mosse intraprese dalla nuova dirigenza sul fronte della gestione interna della banca.

Un primo risultato è la diminuzione del 31 per cento dei costi generali, fra rinegoziazione dei contratti d’utenza, riduzione benefit ai dirigenti e gli accordi sindacali che hanno permesso una diminuzione dei dipendenti attraverso gli esodi, con lo scopo generale di dimagrire il conto economico.
L’obiettivo di fondo è riportare la nuova Carife al ruolo di banca locale, ricentrando maggiormente la clientela sul territorio e riducendo le sofferenze.

Ha aperto il dibattito il presidente della Provincia, Tiziano Tagliani, cui sono seguiti gli interventi dei sindaci Fabio Bergamini (Bondeno), Barbara Paron (Vigarano), Andrea Marchi (Ostellato) e dell’assessore di Comacchio, Sergio Provasi.
Sulle azioni di responsabilità, il presidente Nicastro ha ricordato che la palla è attualmente in mano alla Magistratura, mentre sui margini di ampliamento del fondo di 100 milioni per il ristoro di obbligazionisti subordinati, la parola spetta al governo nell’ambito dei margini stabiliti da Bruxelles. Lo stesso presidente di nuova Carife ha espresso inoltre la propria condivisione rispetto a un percorso che veda il fondo intergrato anche con i risultati utili delle azioni di responsabilità. Si è invece riservato circa l’ipotesi di ripescare l’opzione warrant in favore dei risparmiatori ferraresi, magari all’interno del “pacchetto per il territorio” che è stato indicato fra i criteri da valutare nell’offerta da parte dell’acquirente.

Per quanto riguarda le azioni di facilitazione per i risparmiatori, ha puntualizzato l’ad Capitanio, dal 21 dicembre scorso nuova Carife ha messo in campo una task force di 36 persone a tempo pieno con l’obiettivo di predisporre la documentazione per gli interessati entro il 31 marzo. Tempi brevissimi sono previsti anche per quanto riguarda la consegna allo sportello delle carte.

Sul tema bad bank è poi tornato il presidente Nicastro: “Al momento è prematuro dire se fra cessione della good bank e della bad bank si realizzerà una plusvalenza”.
L’incontro si è concluso con il ringraziamento rivolto a sindaci e presidente della Provincia per il contributo dato a livello istituzionale “per tenere – ha detto Nicastro – la banca in rotta di galleggiamento”.

Articoli recenti

Parma lancia il City of Gastronomy Festival: il 2 e 3 giugno arriva il primo giro del mondo di sapori e saperi fra le città creative dell’UNESCO

In piazza Garibaldi e in piazza Ghiaia un fine settimana di show cooking e demo d’autore con chef da sei…

2 ore passati

“AbitiAmo il nostro Quartiere” per Barco e Pontelagoscuro

Giovedì 31 maggio alle 14.30 al Teatro Cortazàr a Pontelagoscuro (via Ricostruzione 40) FERRARA - Giovedì 31 maggio 2018 dalle…

2 ore passati

“Pic-nic in Arte” a CavaRei

Sabato 26 maggio torna la festa di primavera al Parco Pubblico di via Bazzoli. Giochi e animazione per bimbi e…

1 giorno passati

Provincia di Modena: Circuito del Frignano, corsa in montagna, dieci eventi in estate, dal 26 maggio

MODENA - Parte sabato 26 maggio, con il prologo della "Prignano run" a Prignano, la nona edizione del Campionato provinciale…

1 giorno passati

Venerdì 25 maggio Candi e De Vico all’evento conclusivo del progetto “I Primi Fanno Gioco Di Squadra” promosso da Reggiana Gourmet

REGGIO EMILIA - Anche nella stagione sportiva 2017/2018 Reggiana Gourmet, azienda presente nel pool dei sostenitori del club e co-sponsor…

1 giorno passati

La Notte de “Il Terzo Giorno” di sabato 26 maggio

PARMA -  Gruppo Davines e Comune di Parma uniti per dare vita ad un evento diffuso e immersivo che coinvolgerà…

1 giorno passati
L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Cookie

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice