False telefonate a nome di Paolo Dosi allarmano i cittadini, che si sentono interpellati da un sedicente sindaco

comune piacenzaPIACENZA – A seguito di alcune telefonate da parte di ignoti, che dichiarano di essere il sindaco di Piacenza Paolo Dosi e si rivolgono ai destinatari chiedendo se tutto procede per il meglio, o se vi siano dei problemi che desiderano segnalare, il primo cittadino precisa quanto segue: “Mi preme sottolineare che non ho mai preso in mano il telefono per chiamare a casa della gente, se non le persone di mia conoscenza! Mi dispiace che qualcuno millanti di essere il sottoscritto, sfruttando la qualifica di sindaco per scopi poco chiari, che nulla hanno a che vedere con il mio lavoro e con l’Amministrazione comunale”.

“Ringrazio – prosegue Dosi – la signora che ha ritenuto subito opportuno avvisare della cosa gli sportelli Quic di viale Beverora, cui la telefonata del presunto sindaco invitava peraltro a rivolgersi per prendere appuntamento con me. Fermo restando che la mia segreteria è sempre a disposizione per raccogliere le richieste di incontro dei cittadini, invito chiunque ricevesse questo genere di telefonata a ignorarla o prenderne le distanze, innanzitutto per tutelarsi da eventuali tentativi di truffa”.

“Ben diverso – conclude il sindaco – è il sistema di messaggistica registrata che è entrato in funzione per allerte meteorologiche o situazioni di emergenza. Solo in quel caso, la mia voce entra nelle case non per disturbare in modo inopportuno ma per questioni di sicurezza e necessità urgenti. A maggior ragione, trovo particolarmente sgradevole che ci sia chi pensa di potersi avvantaggiare di questo possibile equivoco”.