“Città della Memoria”: al via gli appuntamenti della dodicesima edizione tra musica, pittura e poesia

parmaTorna il progetto per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico del Cimitero Monumentale della Villetta: da maggio a ottobre visite guidate, concerti, commemorazioni, letture poetiche sui “luoghi del ricordo”

PARMA – Torna a riaprirsi il “libro di pietra” del Cimitero Monumentale della Villetta: prende il via domenica 6 maggio la dodicesima edizione di “Città della Memoria”, il progetto per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico racchiuso nei luoghi del ricordo di Parma, promosso da Ade SpA con la collaborazione del Comune di Parma, e coordinato dallo storico Giancarlo Gonizzi.

La volontà è stata quella di dare continuità anche nel 2018 a questo progetto, particolarmente apprezzato dagli utenti, che allinea la Villetta ai grandi cimiteri monumentali italiani ed europei.

“La Villetta rappresenta – ha esordito l’assessore alla Cultura e ai Servizi Cimiteriali Michele Guerra – un luogo di memoria privata per ciascuno, ma anche un luogo di memoria collettiva e quindi di cultura. E’ anche in quello spazio monumentale e museale che possiamo riscoprire, attraverso la memoria cittadina, un tempo sempre vivo e una identità pregnante della nostra città”.

“L’obiettivo dell’iniziativa – ha spiegato l’Amministratore Unico di ADE S.p.a Adalberto Costantini – è offrire a tutti i cittadini una nuova conoscenza del cimitero avvicinandoli alle espressioni culturali di cui è ricco, in particolare mediante l’arte, la storia, l’architettura, la musica e con inserimento di percorsi QR code fruibili direttamente dal pubblico. Sono stati resi permanenti, e quindi visitabili sempre anche dai turisti, alcuni dei percorsi più significativi elaborati nel corso del tempo”.

Oltre a quelli sulla storia della Villetta e dei musicisti illustri, sono infatti già operativi i percorsi dedicati ai pittori famosi e ai Caduti della prima Guerra Mondiale, oggetto anche di alcune visite primaverili. Nell’autunno i percorsi permanenti si completeranno con i tracciati dedicati agli architetti e agli stili.

Ade S.p.A. ha aderito all’iniziativa denominata “Atlante” promossa da Utilitalia/Sefit, con il patrocinio del “Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo”, consistente nella realizzazione di un volume nel quale sono illustrati i più significativi cimiteri italiani, con descrizioni, note e riproduzioni fotografiche del patrimonio artistico storico, architettonico e culturale rappresentato dai cimiteri monumentali, e con l’esposizione di tutti i dati, punti di interesse ed informazioni utili per favorire e promuovere le visite dei cittadini e dei turisti.

Gabriele Righi, dirigente del Comune di Parma ha anticipato quali operazioni sono previste nell’ottica di conservazione e valorizzazione della struttura della Villetta e della fruizione della medesima come luogo monumentale: “sono diversi e impegnativi i progetti, condivisi con il Ministero, per continuare a riqualificare l’aspetto monumentale del cimitero della Villetta, cercando di portare alla luce e far riscoprire alla cittadinanza come

fosse originariamente questo luogo di arte, cultura e memoria, partendo dalla sua conformazione e composizione per arrivare alle gradazioni cromatiche”.

“Il Monumentale di Parma – ha ricordato lo storico Giancarlo Gonizzi – è un vero e proprio “museo” all’aperto, che permette di scoprire l’evoluzione della comunità cittadina dai primi anni dell’Ottocento ad oggi, con attenzione non solo alla storia delle arti, dell’architettura e del mito, ma anche ai cambiamenti dei modi di condivisione delle emozioni, dei linguaggi e delle varie forme di rapporto tra la “città dei vivi” e la “città dei morti”.

L’iniziativa nasce nel contesto della ormai affermata consapevolezza che il valore dei cimiteri monumentali come “musei” custodi dello sviluppo artistico sociale e storico di una comunità possa costituire, oltreché uno strumento informativo per tutti i cittadini, una importante ricchezza culturale in più da inserire nei programmi dell’offerta turistica della città, come già succede da anni nei più significativi cimiteri Europei.

Il programma 2018

Particolarmente ricco il programma del 2018 – elaborato grazie alla collaborazione delle Guide di Parma e dell’Ensemble musicale Silentia Lunae – che propone, fra visite, commemorazioni e concerti, quattordici appuntamenti fra maggio e ottobre. Emerge la collaborazione con alcune istituzioni culturali cittadine, chiamate a collaborare nella realizzazione di alcune iniziative: il Museo “Glauco Lombardi”, la Società dei Concerti, la Casa della Musica, il “Club dei 27”.

Il mese di maggio, dopo la visita di apertura (6 maggio) che, grazie agli studi di Francesca Sandrini e Francesca Anedda e alle musiche interpretate da Silentia Lunae, rievocherà la figura di Albertina Sanvitale, figlia della duchessa Maria Luigia e dei suoi diversi monumenti funebri, sarà dedicato ai pittori che riposano al cimitero monumentale di Parma.
Due incontri a tema (13 e 20 maggio) permetteranno ai visitatori di scoprire le “vite d’artista” di 30 fra i maggiori pittori parmigiani attivi fra Otto e Novecento.

Sabato 26 maggio, nel centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, una visita alle sepolture e ai monumenti che tramandano la memoria dei Caduti parmigiani; tra sculture, simboli, architetti ed artisti di fama condurrà alla scoperta della più grande campagna nazionale di commemorazione artistica del Novecento.

Completano le iniziative di maggio due momenti suggestivi dedicati a grandi personaggi legati alla nostra città. La Commemorazione di Padre Lino Maupas (domenica 13 alle 10 presso il Monumento a Padre Lino, in collaborazione con l’Associazione Amici di Padre Lino): la memoria dell’“Apostolo della carità” attivo a Parma dal 1893 al 1924 è ancora viva e il suo ricordo si dipana fra note biografiche e versi poetici alla luce di una vita spesa per gli altri.

La Commemorazione di Niccolò Paganini (domenica 27 maggio, ore 11, presso la Tomba Paganini) in collaborazione con la Società dei Concerti di Parma nell’ambito del XVIII Nicolò Paganini Guitar Festival: dopo il saluto delle Autorità sulla sua tomba e il ricordo del musicista e dei suoi legami con Parma nell’anniversario della sua scomparsa, seguirà,

presso la Galleria Sud, dinnanzi alla Cappella dei Musicisti, “In memoriam”, un concerto di musiche di Niccolò Paganini.

A giugno, in occasione della settimana dei cimiteri europei, domenica 3 alle ore 11 sarà di scena la poesia. Luca Ariano e Francesco Gallina, accompagnati dalle melodie di Silentia Lunae faranno vibrare le liriche di dieci poeti parmigiani che riposano al monumentale: da Attilio Bertolucci a Gian Carlo Artoni, da Carra a Bachini a Cusatelli e molti altri in un viaggio fra musica e poesia di grande suggestione.

Il programma prosegue, dopo l’estate, sabato 22 settembre con il tradizionale appuntamento de “L’antica parlata”, con la commemorazione – in poesia e in musica con Enrico Maletti, Mariangela Bazoni e il coro “Il cuator stagión” – degli autori dialettali che riposano in Villetta nel 120° della nascita di Renzo Pezzani e nel centenario della nascita di Luigi Vicini.

La musica sarà il filo conduttore dei due incontri tra settembre e ottobre: i personaggi delle opere di Verdi, ovvero le loro suggestioni, domenica 30 settembre rivivono nel marmo e nel bronzo del Monumentale anche attraverso le note immortali eseguite da Silentia Lunae e le vicende rievocate dal Club dei 27.

Domenica 7 ottobre alle ore 11, torna “Note della memoria”, un viaggio alla scoperta dei grandi musicisti e cantanti sepolti al Monumentale accompagnato dal suggestivo concerto itinerante dell’Ensemble Silentia Lunae, organizzato in occasione del Festival Verdi in collaborazione con la Fondazione Teatro Regio e le Guide Turistiche di Parma. Mentre domenica 14 ottobre, alle 10 si terrà “La memoria degli eroi – Commemorazione dei Caduti di Russia”, organizzata in collaborazione con UNIRR Parma.

Il mese di ottobre offre ancora tre incontri legati alla simbologia: domenica 14 saranno le “parole di pietra” a raccontare vicende e sentimenti dei parmigiani; domenica 21 saranno gli “animali parlanti” a “raccontare” le storie del mito; domenica 28 il “tempo immobile” dispiegherà i suoi simboli arcani.
Un ricco calendario di appuntamenti che ci permette di riscoprire le nostre radici e di far tesoro di storie e di valori condivisi dai parmigiani per secoli e sempre attuali.

Per informazioni sul programma di “Città della Memoria”: www.adespa.it – Ade: 0521 964042. Dove non diversamente indicato, le manifestazioni hanno inizio alle ore 11 in punto. Si consiglia di arrivare dieci minuti prima dell’inizio e, per le visite, di indossare scarpe comode. Le visite si tengono anche in caso di maltempo su percorsi al coperto.