Cesena, Semaforo verde della Regione al finanziamento di 1,6 milioni per Casa Bufalini

Ora si scaldano i motori per l’avvio dei lavori. La soddisfazione del Sindaco e dell’Amministrazione che ora auspicano un rapido sblocco anche per i fondi destinati a Piazza della Libertà

logo-comune-cesenaCESENA – Il Sindaco Paolo Lucchi, L’Assessore ai Progetti Europei Francesca Lucchi e L’Assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi:

“Salutiamo con particolare soddisfazione il via libera che la Regione Emilia-Romagna ha dato al finanziamento 1,6 milioni di euro per il recupero di Casa Bufalini.

Questo provvedimento, infatti, rappresenta la tappa decisiva nel percorso, intrapreso grazie alla stretta collaborazione fra l’Amministrazione comunale di Cesena e la Giunta regionale e apre la fase più propriamente operativa non solo per restaurare la storica Casa Bufalini, ma anche per trasformarla in un “laboratorio urbano aperto”, capace di coniugare cultura e nuove tecnologie e far crescere nuove idee imprenditoriali, e si completerà il polo culturale che gravita intorno alla Biblioteca Malatestiana.

E’ un obiettivo che ci sta particolarmente a cuore per questo, nei mesi scorsi, l’Amministrazione si è impegnata per compiere velocemente i passi che le spettavano, a partire dalla predisposizione e dall’approvazione in tempi molto accelerati del progetto definitivo per il restauro dello storico Palazzo Bufalini, casa natale dell’illustre medico cesenate, e che oggi purtroppo versa in condizioni precarie.

Come già anticipato nei mesi scorsi, il progetto – per un importo complessivo di 2 milioni di euro (alla quota assicurata dai finanziamenti europei si aggiungono i 400mila euro già previsti nel bilancio 2016 del Comune) – prevede una cospicua serie di interventi, a partire dalla demolizione di tutte le parti non più recuperabili, per proseguire con l’adeguamento strutturale e impiantistico, e naturalmente prestando attenzione al recupero di tutti gli elementi originali e caratteristici dell’edificio, compresa l’abside della chiesa di San Francesco, unico elemento sopravvissuto alla demolizione di metà Ottocento, che era stato inglobato all’interno del Palazzo.

Il via libera della Regione Emilia-Romagna al finanziamento del recupero di Palazzo Bufalini, conferma un’attenzione riservata alla riqualificazione della nostra città, della quale siamo naturalmente lieti. Le risorse stanziate arrivano dai finanziamenti europei inseriti nel POR FESR; per intercettarli, il Comune di Cesena – grazie alla struttura ad hoc creata per intercettare i finanziamenti provenienti dall’Europa ed alla collaborazione con l’Università di Bologna – è stato in grado di presentare un progetto che la Regione ha ritenuto evidentemente convincente. Ci siamo così inseriti efficacemente nel sistema di utilizzo dei finanziamenti europei messo a punto dalla Regione Emilia – Romagna, sistema in grado di sfruttare e al meglio le opportunità messe a disposizione dall’Europa, a differenza di quello che accade in altre realtà del nostro Paese.

Con la firma della convenzione, dunque, comincia il conto alla rovescia per l’avvio dei lavori su Palazzo Bufalini, con l’obiettivo di concluderli entro la fine del 2017.

Purtroppo, invece, è ancora in stand by l’erogazione definitiva del finanziamento regionale di 1.500.000 euro che ci era stato concesso per Piazza della Libertà, nell’ambito del DUP regionale 2007-2013. Quest’ultimo, infatti, è stato rallentato dal terremoto che 4 anni fa ha colpito l’Emilia. Ma, avendo ascoltato qualche sera fa dalla viva voce del Presidente Bonaccini la sua volontà di perseguire con forza i canali di rapporto con il Governo per implementare le risorse a disposizione della riqualificazione urbana della nostra Regione, riteniamo che anche per il nostro centro storico si potranno a breve vedere confermate le ulteriori scelte di finanziamento già condivise a suo tempo.”

i