Coronavirus, Piazza Maggiore chiusa la notte del 31 dicembre

5

Petardi e vendita bevande, le ordinanze per il periodo natalizio e per il Capodanno

BOLOGNA – Divieto di accesso in Piazza Maggiore a chiunque non abbia una comprovata necessità dalle 21 del 31 dicembre 2021 fino alle 7 dell’1 gennaio 2022. Lo dispone un’ordinanza del Sindaco a seguito della decisione, in accordo con il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, di annullare il tradizionale festeggiamento pubblico per il Capodanno all’interno di Piazza Maggiore e di non organizzare altre occasioni pubbliche di festeggiamento in altre zone della città. L’assenza di eventi pubblici in città potrebbe, infatti, attirare in piazza Maggiore numerose persone per festeggiamenti spontanei, in assenza di dispositivi e misure strutturali a salvaguardia della loro incolumità e quindi in condizioni di criticità al momento non prevedibili. Lo stato di emergenza epidemiologica da Covid-19, prorogato dal recente decreto-legge del Consiglio dei Ministri, richiede invece particolare attenzione e massima cautela. Per tutelare l’incolumità pubblica, evitando che comportamenti illeciti causino pericoli o rischi alle persone, piazza Maggiore sarà quindi chiusa con transenne nella fascia oraria indicata con un punto di accesso per comprovate necessità.

Il Comune di Bologna, come ogni anno, ha emanato anche le ordinanze che stabiliscono il divieto di scoppi di petardi dal 24 dicembre 2021 al 7 gennaio 2022 e il divieto di vendita di bevande alcoliche in qualsiasi contenitore, e di altre bevande in contenitori di vetro e in lattine, la notte del 31 dicembre 2021, con l’obiettivo di tutelare l’incolumità di tutti e impedire episodi pericolosi per la collettività.

Dalle 12 del 24 dicembre 2021 alle 7 del 7 gennaio 2022, dunque, l’Amministrazione comunale dispone il divieto ai detentori di materiale pirotecnico (non titolari di licenza né autorizzati) di effettuare e far effettuare scoppio di petardi, mortaretti e artifici simili e di ogni tipo di fuoco pirotecnico in luogo pubblico o di uso pubblico e nei luoghi privati da cui possano essere raggiunte o interessate direttamente aree e spazi a uso pubblico.

Per quanto riguarda invece le bevande, l’ordinanza prevede, per la notte di Capodanno, a partire dalle 20 del 31 dicembre 2021 fino alle 8 del primo gennaio 2022, il divieto di vendita di bevande alcoliche in qualsiasi contenitore e di altre bevande in contenitori di vetro e in lattine da parte dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, dei circoli privati e degli esercizi commerciali e artigianali in tutta l’area del centro storico delimitata dai viali di circonvallazione.

Il divieto non si applica agli esercizi e alle attività in caso di effettuazione di servizi di consegna al domicilio del cliente.

Quest’ultima ordinanza dispone inoltre che la precedente ordinanza, che prevedeva il divieto di vendita da asporto di bevande alcoliche dalle 18 alle 6 del giorno successivo per gli esercizi di vicinato del settore alimentare e misto di tutta la città, decada il 30 dicembre 2021 invece del 31 dicembre 2021.