21-25 Aprile, la lettera del sindaco Lepore alla presidente di Anpi provinciale di Bologna Anna Cocchi

9
BOLOGNA – “Cara Presidente, cara Anna,

ci prepariamo alle celebrazioni del 21 e 25 Aprile, che rappresentano per Bologna e la nostra comunità uno dei momenti più importanti ed attesi dell’anno.

Ti scrivo congratulandomi nuovamente per la tua conferma a Presidente dell’Anpi provinciale e per dire che non vedo l’ora di abbracciarti domani in Piazza Nettuno. Lo farò con piacere, per la stima che ho per te e anche per dare dimostrazione pubblica di dove sia possibile trovare il Sindaco di Bologna: sempre al fianco dell’Anpi e a presidio del nostro sacrario dei caduti per la libertà.

È un momento davvero drammatico per l’Europa, per l’Ucraina e per la coesistenza pacifica tra le nazioni.

Proprio per questo è opportuno fare memoria e ricordare i valori fondamentali della nostra Costituzione repubblicana. Una Carta antifascista, che ripudia la guerra come atto di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.

È una posizione scomoda e difficile quella di chi deve custodire principi che devono rimanere saldi a prescindere dai dibattiti strumentali del giorno per giorno.

A questo proposito, ti esprimo la mia piena solidarietà per i vergognosi e strumentali attacchi politici subiti dall’Anpi nelle ultime settimane.

Attacchi si badi bene, non semplici critiche, mosse da voci che preferiscono delegittimare e distruggere un patrimonio di valori che non appartiene proprio a nessuno, se non a chi la vita l’ha persa per la l’indipendenza e la dignità della patria nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

Lasciamo pertanto da parte l’odio di chi ci vuole male. Vediamoci nelle piazze e nelle scuole di Bologna, ritroviamoci insieme di nuovo a celebrare con umiltà e affetto popolare la memoria e l’impegno per i valori della Liberazione.

A domani,

Matteo Lepore”