Villa Minozzo: Stop al conferimento scorretto di rifiuti differenziati e sconti per le famiglie virtuose

Rifiuti abbandonati davanti al centro di raccolta comunale di CalizzoDifferenziare significa anche risparmiare. Lo sconto c’è già per chi fa compostaggio. Il centro di raccolta comunale di Calizzo amplierà gli orari d’apertura per scongiurare abbandoni illegali. L’ultima opzione sarà la videosorveglianza

VILLA MINOZZO (RE) –  Risparmiare sulle tasse è possibile. Basta differenziare i rifiuti e portarli alla stazione ecologica comunale di Calizzo, che dal prossimo anno resterà aperta duecento ore in più.

“Soprattutto in estate – sottolinea Lucia Manicardi, assessore all’ambiente – da giugno ad agosto, quando le presenze saranno massime, puntiamo ad ampliare l’orario del servizio, anche per cercare di abbattere il fenomeno degli utilizzi impropri della struttura, dall’abbandono di scarti nello spazio antistante, nei momenti di chiusura, allo scarico di materiali che non possono essere conferiti all’isola, ma che devono seguire altre procedure di smaltimento, quali eternit, carta catramata e pneumatici da trattore”.

Lucia Manicardi, assessore all'ambiente del Comune di Villa MinozzoSia nel primo che nel secondo caso “si deve infatti procedere con il lavoro straordinario del personale di sorveglianza – spiega l’assessore Manicardi – o con bonifiche ambientali da parte di ditte specializzate, con costi significativi che purtroppo ricadono sull’intera comunità, come già evidenziato in altre occasioni. Con i nuovi orari auspichiamo invece di intercettare in maniera più adeguata le necessità di chi intende utilizzare il centro di raccolta in modo corretto ma che magari, in qualche occasione passata, trovandolo chiuso, ha scaricato in buona fede davanti al cancello. Prima di rassegnarci a misure sanzionatorie attraverso telecamere (che però potrebbero anche generare, in alcuni casi, abbandoni nell’ambiente da parte di persone irrispettose) tentiamo perciò di migliorare il servizio”.

Dal primo gennaio si anticiperà l’apertura di un’ora e mezza il lunedì mattina (dalle 7.30 alle 12), mentre dal martedì al venerdì si sposterà la stessa al pomeriggio, con tre ore in inverno, primavera ed autunno (dalle 14 alle 17) e quattro in estate (dalle 15 alle 19). Il sabato, infine, ci sarà un orario continuato per otto ore (dalle 9 alle 17), con l’incremento di due nella stagione estiva (dalle 9 alle 19).

“Un altro sostanziale miglioramento nella raccolta differenziata – rileva inoltre Lucia Manicardi – dovrebbe pure derivare dall’attivazione, nei prossimi mesi, di un sistema di scontistica che consentirà di accumulare punti ad alcuni conferimenti alla stazione di Calizzo, secondo il valore che verrà attribuito a determinate tipologie di rifiuto inserite in un apposito regolamento, maturando così uno sconto sulla tassa rifiuti a partire dal 2019. È uno strumento importante che abbiamo voluto fortemente, chiedendo di anticiparne l’attivazione rispetto a quanto previsto nella programmazione provinciale. Premiare i comportamenti virtuosi è giusto e doveroso ed è l’unica strada per portare beneficio concreto all’ambiente, alle persone e alla collettività”.

Questo sconto sulla Tari sarà cumulabile “a quello che può essere già richiesto – afferma l’assessore all’ambiente – da chi pratica il compostaggio domestico. A tal proposito ricordiamo che è ancora possibile fare domanda all’ufficio tecnico comunale per ottenere una compostiera da trecento litri al costo di venti euro. E’ un’altra iniziativa messa in atto dalla scorsa estate con l’obiettivo di ridurre la quantità di ‘rifiuti a smaltimento’ attraverso la gestione separata dell’organico che, rappresentando circa il trenta-quaranta per cento degli scarti domestici, pesa considerevolmente sul volume della spazzatura quotidiana”.

Conclude Lucia Manicardi: “Resta naturalmente il tema degli abbandoni illegittimi di materiali che non possono essere conferiti a Calizzo, per i quali vi sono regole precise e chiare sanzioni, a norma di legge e di regolamento comunale. Chi commette atti di questo genere compie un illecito grave. Purtroppo non siamo in grado di controllare costantemente un territorio così vasto e complesso come il nostro, per cui ci riserveremo pure di valutare, come successiva e ultima misura, l’installazione di un sistema di videosorveglianza. Ricordiamo infine alle famiglie, ai bar, ai ristoranti, e a chi organizza feste e in generale momenti di aggregazione, con conseguente produzione di immondizia, che occorre effettuare la raccolta differenziata di plastica, carta e vetro, necessaria per consentire, attraverso le filiere del riciclo, il recupero di materie molto preziose, trasformando così i rifiuti da problema a risorsa”.