Villa Minozzo: La musica tra passioni, pulsioni e tormenti

Incontro con Gaspare Palmieri, psichiatra e cantautore modenese. L’autore di Psicorock domenica sera nella Corte Pedrazzoli. L’assessore Manicardi: “Il tema musicale e il suo rapporto con le psicopatologie è un argomento di grande interesse e curiosità”

Lo psichiatra e cantautore Gaspare PalmieriVILLA MINOZZO (RE) –  Il rapporto tra musica e psicopatologia attraverso le pulsioni, le passioni e i tormenti degli idoli del rock sarà l’argomento dell’incontro di domenica sera, dalle 20.30, nella Corte Pedrazzoli.

Protagonista della serata sarà Gaspare Palmieri, psichiatra e cantautore modenese, che verrà intervistato da Fulvio Fantozzi, medico delle dipendenze, e da Ezio Bonicelli, professore e musicista. Palmieri è tra l’altro autore del libro “Psicorock, storie di menti fuori controllo”, in cui si percorre “un viaggio formidabile nei territori della creatività e della psicopatologia – si legge – fuori dai luoghi comuni e dalle false leggende, basandosi esclusivamente su dati e studi scientifici”.

L’appuntamento è indetto dal Comune e dall’associazione Villacultura. “Abbiamo raccolto con estremo interesse e curiosità questa opportunità – sottolinea l’assessore Lucia Manicardi – anche perché il nostro è un territorio che ha la musica e il canto nel dna. Pensiamo ai Maggi, alle befane, ai cori, ai nostri artisti e alle nostre realtà musicali di fama nazionale e non solo”.

Continua l’assessore Manicardi: “Ricordiamo poi la grande attenzione riservata da Villa Minozzo alla valenza didattico educativa della musica, anche attraverso i corsi musicali in convenzione conLa copertina di Psicorock l’istituto superiore Peri-Merulo di Castelnovo Monti, presenti da più di dieci anni”.

In Psicorock l’autore “prende in esame da un punto di vista clinico le storie più significative e interessanti del mondo del rock e del pop – si spiega in una recensione – analizzando le biografie, le interviste e, ovviamente, le canzoni dei protagonisti. L’attenzione viene focalizzata su come la musica, con il suo potere catartico, abbia salvato diversi artisti e su come, invece, le conseguenze del successo musicale siano state insostenibili per altri”. La pubblicazione è indirizzata “sia agli appassionati di musica che agli operatori della salute mentale (psichiatri, psicologi, infermieri, educatori), che potranno aumentare le proprie conoscenze sul rapporto tra creatività e psicopatologia”.

Conclude Lucia Manicardi: “D’altro canto il tema delle psicopatologie è vicino, per interesse, percorsi di studio o professione ad alcune persone attive sul territorio che si sono entusiasmate immediatamente all’idea e prenderanno parte attiva alla serata. Ringrazio infine Villacultura, organizzatrice e promotrice, assieme al Comune, dell’evento, e la nostra Croce Verde, per la consueta e preziosa collaborazione tecnico-logistica”.
L’iniziativa sarà ad ingresso gratuito.