In via Vaccari riassetto generale e tre abitazioni in più

Il Consiglio approva un permesso di costruire in deroga per densità edilizia. Il privato riqualificherà la zona circostante con verde, arredi, parcheggi e confini definiti

Comune di ModenaMODENA – Il cambio di destinazione d’uso di uno spazio di 118 metri quadrati che da produttivo diventano abitazione e l’aumento di ulteriori due nuove unità abitative all’interno del volume ammesso, per complessivi 10 alloggi rispetto ai sette previsti dagli strumenti urbanistici. Per contro, la società Safim srl, che sta completando la realizzazione della palazzina in classe A in via Vaccari, angolo con via Pillio Da Medicina, oggetto delle modifiche, effettuerà opere di riqualificazione e riassetto generale della stessa via.

È quanto stabilito dal Consiglio comunale di Modena nella seduta di giovedì 22 settembre con l’approvazione di una delibera illustrata dall’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli che dà il nulla osta alla deroga agli strumenti urbanistici rispetto alla densità edilizia. Si sono espressi a favore Pd, Sel, Fas Sinistra italiana e Per me Modena, astenuti FI, CambiaModena e M5s.

“Via Vaccari – ha affermato l’assessora – è attualmente caratterizzata da una situazione di allargamento della sezione stradale, senza confini ben definiti, senza alcun elemento di arredo, con la presenza di un’isola ecologica di notevoli dimensioni, aree di sosta dei veicoli non regolamentate, e quindi una scarsa qualità urbana complessiva. L’intervento proposto – ha aggiunto – configura un interesse pubblico, in quanto prevede opere di riassetto finalizzate a demarcare meglio le aree per le diverse funzioni, sistemare la viabilità nonché incrementare il numero dei posti auto pubblici, le aree a verde e mitigare in particolare l’isola ecologica presente”.

L’intervento prevede inoltre il rifacimento del manto stradale, il rimodellamento degli stalli di sosta e della viabilità, il rifacimento della segnaletica verticale e orizzontale e la sistemazione dell’area cassonetti.

Oltre a effettuare a proprie spese l’intervento, la società Safim srl verserà all’Amministrazione il contributo di costruzione e un contributo straordinario pari a circa 18.500 euro.

Sul tema è intervenuto il consigliere Marco Bortolotti del M5s che ha chiesto se “rispetto alle modifiche di viabilità c’è stato un confronto con la cittadinanza che risiede in zona e quali riscontri ci sono stati”.

Simona Arletti del Pd ha ricordato che “spesso ci si interroga su come far evolvere la città verso una maggior sostenibilità con il recupero e la rigenerazione senza consumo di suolo. In questi interventi – ha detto – c’è una scelta dell’Amministrazione ben precisa di rigenerazione urbana, che permette a privati di effettuare riqualificazioni corrispondenti ai loro bisogni ma facendosi carico anche di esigenze della collettività”.

Nella replica, l’assessora Vandelli ha precisato che sarà realizzata un’isola di parcheggi che distinguerà l’asse di via Vaccari, che rimarrà a doppio senso, dall’accesso alla zona dell’isola ecologica, che sarà a senso unico. “Non sono stati fatti passaggi in Quartiere – ha aggiunto – perché tale sistemazione consentirà una riduzione della velocità delle auto in transito ma sulla via rimarrà il doppio senso”.