Tutte le associazioni di pesca unite contro il bracconaggio

15-09-09_furgone_Foto 6(1)EMILIA ROMAGNA – Riceviamo e pubblichiamo la nota delle associazioni di pesca dell’Emilia Romagna:

“Di seguito vengono indicate le richieste formulate congiuntamente da tutte le associazioni di pesca maggiormente rappresentative in Emilia Romagna per provare a contrastare più efficacemente il bracconaggio ittico in acque interne che sta velocemente distruggendo i nostri habitat del delta.

Queste nostre richieste sono state inviate all’Ass. all’agricoltura, caccia e pesca Simona Caselli e Dr. Barchi, responsabile Servizio Sviluppo Economina Ittica e delle Produzioni Animali, e contengono proposte di emendamento all’attuale legge regionale vigente, che verrà presto ridiscussa.

LE ASSOCIAZIONI DI PESCA CHIEDONO L’URGENTE APPROVAZIONE DELLE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE SULLA PESCA PER UN CONTRASTO CHE SIA VERAMENTE EFFICACE AL SEMPRE PIU’ DILAGANTE FENOMENO PREDATORIO DELLA PESCA DI FRODO.

Il bracconaggio ittico in acque interne è un fenomeno noto, che non colpisce solo il settore della pesca ma, utilizzando reti professionali lunghe centinaia di metri, corrente elettrica e veleni disciolti in acqua arreca quotidianamente un concreto danno ambientale, che dal 2014 ad ora ha già prodotto un calo di oltre il 30% della fauna ittica presente in Provincia di Ferrara.

La Proposta di FIPSAS, C11262388_10206737815150025_2118864241557782274_nonsorzio Carpisti Polesani, UPE – Unione Pescatori Estensi, GSI – Gruppo Siluro Italia, CFI – Carp Fishing Italia, Amici della Golena, Euro Carp Club, Pescatori Fai da Te, Pirati del Po, ARCI Pesca prevede che sia vietata la pesca professionale notturna con l’impiego di ogni tipo di rete. Dal tramonto all’alba sarà vietato salpare le reti mentre sempre in questa fascia oraria sarà altresì vietato trasportare fauna ittica di qualsiasi specie viva o morta, oppure reti, barche o elettrostorditori, trasportati anche separatamente sui singoli veicoli, e che di tali attrezzi di pesca e mezzi di trasporto utilizzati è previsto il sequestro finalizzato alla loro confisca. Un precetto che garantisce inoltre ai soli pescatori sportivi che effettuano il catch and release di poter praticare la pesca notturna, per garantire un miglior presidio dei canali contro la pesca illegale. E’ così che il pescatore, profondo conoscitore del suo territorio, torna ad essere una risorsa efficace per tutelarlo.

Il fenomeno si è già diffuso nelle province confinanti di Ravenna, Rovigo, Parma, Mantova e Modena, e in regioni quali l’Emilia Romagna, il Veneto, la Toscana, la Lombardia e il Lazio, e se non verrà presto arrestato con sanzioni normative efficaci dilagherà fino a decretare la distruzione dei nostri habitat acquatici. Stante la difficoltà nell’applicare la normativa vigente (L.R. 11/2012 ER) è indispensabile che le proposte formulate dalle Polizie Provinciali della Regione e più volte illustrare anche sugli organi di stampa dal Comandante della Polizia Provinciale di Ferrara Claudio Castagnoli, vengano approvate al più presto dalla nostra Regione, a chiederlo sono gli oltre 40.000 pescatori sportivi emiliani che rappresentiamo e che non vogliono veder morire la propria passione. A supporto dei pescatori sportivi, si affianca anche la preoccupazione degli operatori economi del settore (aziende produttrici, negozi, strutture ricettive) i quali vedono seriamente compromesso il proprio futuro e le sorti di centinaia di posti di lavoro, dipendenti dall’intero indotto economico, frutto del settore della pesca sportiva e ricreativa.”