Territorio: mercoledì 31 gennaio a Bologna, all’Europauditorium, seminario sulla legge urbanistica dell’Emilia-Romagna

La disciplina regionale sulla tutela e l’uso del territorio e le novità per i Comuni al centro dell’incontro tra il presidente Stefano Bonaccini, l’assessore Raffaele Donini e le organizzazioni professionali

logo regione emilia romagnaBOLOGNA – Tutela del territorio, rispetto per l’ambiente, crescita intelligente, attenzione alla legalità. Sono i punti centrali della legge urbanistica dell’Emilia-Romagna, che cambia in modo radicale il modo di guardare al futuro del territorio e alla crescita qualitativa dei centri urbani.

Della legge, approvata lo scorso 19 dicembre e operativa dal 1^ gennaio, si parlerà nel corso del convegno tecnico formativo rivolto a ingegneri, architetti, agronomi, geometri, periti industriali che si terrà a Bologna mercoledì 31 gennaio 2018 dalle ore 14.30 alle ore 18.30 (Teatro Europauditorium, piazza della Costituzione, 4).

L’attenzione al mondo delle professioni è anche dato dal fatto che i Comuni hanno tre anni di tempo per avviare la redazione del Piano urbanistico generale e ulteriori due anni per completarlo, sostituendo gli attuali strumenti urbanistici. Il seminario ha appunto l’obiettivo di un confronto con i tecnici che operano nel territorio sulle novità introdotte dalla legge e si concluderà con una tavola rotonda.

Partecipano il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, il presidente regionale dell’Unione province italiane Giamaria Manghi, l’assessore regionale ai Trasporti e programmazione territoriale Raffaele Donini, il direttore di Anci Emilia-Romagna Fabrizio Matteucci e tecnici del settore.

L’incontro è organizzato dagli Ordini e dai Collegi professionali dell’Emilia-Romagna, in collaborazione con Regione, Anci e Upi Emilia-Romagna.