Teatro delle Passioni all’ex Amcm, candidato ai fondi UE

 Ex Enel, rendering del progetto di riqualificazione dell'edificioPresentato il progetto di una sala da 150 posti per l’intervento sull’ex Enel dal valore di 5 milioni di euro. E a giugno partono i lavori del Laboratorio all’ex Aem

MODENA – Verrà realizzato, come previsto, nell’area dell’ex Amcm a Modena il nuovo Teatro delle Passioni di Ert, con una sala da 150 posti. Il Comune, infatti, ha candidato il progetto di riqualificazione dell’edificio ex Enel al bando della Regione per ottenere le risorse europee dell’Asse 5 del Por Fesr (valorizzazione delle risorse artistiche, culturali e ambientali) per il primo stralcio funzionale dell’opera dal valore di cinque milioni di euro. Il finanziamento europeo potrà arrivare fino a tre milioni e mezzo. L’ammontare preciso si conoscerà entro l’estate e i lavori potranno iniziare nel 2017.

Nell’area ex Amcm, nel frattempo, si stanno concludendo le operazioni di aggiudicazione dell’intervento sull’edificio a fianco dell’ex Aem dove i lavori partiranno entro giugno per realizzarvi il Laboratorio aperto dedicato alla cultura, allo spettacolo e alla creatività grazie a un contributo europeo di un milione e 800 mila euro, su di un intervento di riqualificazione dal costo di due milioni e 400 mila euro per la manutenzione straordinaria, la rifunzionalizzazione e il restauro di parte dell’edificio (piano terra e soppalco). In realtà il contributo complessivo dell’Ue, attraverso il bando della Regione per una strategia concordata e condivisa di sviluppo urbano sostenibile (asse 6 del Por Fesr, Città intelligenti, sostenibili e attrattive), sarà di tre milioni di euro. Oltre all’intervento di riqualificazione, infatti, sono previste risorse per l’allestimento e la gestione del Laboratorio aperto che sarà operativo entro la fine del 2017 (un milione e 250 mila euro) e altri 250 mila euro per la promozione integrata del progetto a livello nazionale ed europeo.

L’intervento proposto sull’edificio ex Enel rappresenta solo il primo stralcio funzionale di un progetto che complessivamente ha un valore di 11 milioni e 600 mila euro. Il primo stralcio permetterà di realizzare, su di una superficie di 2.200 metri quadri, oltre alla sala da 150 posti con i servizi collegati, anche una sala bar ristorante con soppalco e accesso al terrazzo, un corpo tecnologico esterno annesso all’edificio, lo spazio comune del foyer e l’area biglietteria e guardaroba. Nello stesso tempo saranno realizzate anche le opere di adeguamento sismico e antincendio dell’intero edificio nonché le opere impiantistiche esterne e il polo tecnologico in sede remota. Nel secondo stralcio sarà poi prevista la costruzione di un’altra sala teatrale (da 400 posti), dei relativi servizi, oltre agli uffici di Ert.