Tappa a Ferrara del “Viaggio Legale” con il coinvolgimento dei volontari del Servizio Civile

Incontro di formazione su cittadinanze e informazione. Omaggio a Siani, giornalista martire

viaggiolegale-1FERRARA – L’automobile verde del cronista precario Giancarlo Siani, simbolo di legalità e resistenza contro la prevaricazione delle organizzazioni criminali, è partita dall’aeroporto di Capodichino a Napoli e, nel suo lungo percorso, ha toccato venerdì scorso, 27 gennaio 2017, la città di Ferrara, grazie a un’iniziativa della Cgil.

Obiettivo dell’itinerario “portare a bordo” simbolicamente le storie di tutte le vittime innocenti della criminalità organizzata e promuovere la libertà di pensiero, insieme al diritto dovere di informarsi ed essere informati.

viaggiolegale2Tutte tematiche molto sentite dall’Amministrazione comunale che il 19 marzo 2010 intitolò la propria Sala Stampa proprio a Giancarlo Siani, giornalista ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985.

Ha aperto la mattinata di venerdì un incontro formativo nella sala del Consiglio comunale dal titolo “Cittadinanza e partecipazione: la libertà di informare ed essere informati”, curato da Alessandro Zangara (responsabile Uff. Stampa Comune di Ferrara) e nato dalla collaborazione con il Copresc di Ferrara (Coordinamento Provinciale degli Enti di Servizio Civile di Ferrara), a cui hanno partecipato circa sessanta giovani Volontari in Servizio Civile della nostra provincia.

Un’occasione che ha permesso di affrontare temi quali la capacità di costruire una propria viaggiolegale3opinione sugli accadimenti, l’importanza di documentarsi per conoscere criticamente i fatti e mettere in campo azioni utili, consapevoli ed efficaci. Sono stati toccati, inoltre, i temi del giornalismo d’inchiesta , della precarietà dell’informazione e di come riconoscere le informazioni ‘certificate’ da fake-news e bufale, individuando le fonti corrette. Interessanti anche gli stimoli lanciati dai giovani volontari intervenuti. Nicola Baraldi ha sollevato il tema della verifica delle notizie richiamando quanto accade in ambito scientifico, dove la pubblicazione di articoli è regolata prima della divulgazione da un meccanismo basato sui referees (arbitri). Tommaso Calabri ha invece lanciato un’interessante provocazione: “In riferimento alla diffusione del precariato in ambito giornalistico, a scapito della qualità del lavoro, abbiamo la possibilità come cittadini di conoscere in modo chiaro e trasparente la situazione occupazionale delle testate giornalistiche e scegliere e sostenere quelle imprese editoriali che assumono giovani e combattono il precariato?”

La Citroen di Siani, accolta nell’ambito delle iniziative ferraresi del “Viaggio Legale” dal sindaco Tiziano Tagliani, è stata per i ragazzi l’occasione di toccare con mano la testimonianza di un evento tragico che mette in luce aspetti e valori di cui i ragazzi si fanno portatori nei loro progetti di cittadinanza attiva. Presente all’iniziativa anche il vicesindaco Massimo Maisto, che ha portato il saluto dell’Amministrazione comunale in sala del Consiglio e il segretario Cgil Riccardo Grazzi che ha introdotto la visita allo spazio espositivo in piazza Municipio. La giornata ha messo in campo anche un incontro dibattito, svoltosi nel pomeriggio in sala dei Comuni (Castello Estense) con l’intervento di rappresentanti istituzionali e sindacali sui temi dell’economia del territorio in rapporto alla criminalità organizzata.