Taglio del nastro per il nuovo Parco di via Gerosa

L’inaugurazione, con il sindaco Muzzarelli e l’assessore Guerzoni, è stata sabato 29 ottobre. L’area verde di 25 mila metri quadri è intitolata alle vittime di Utoya

parco-utoya-taglionastro-MODENA – É stato inaugurato nella mattinata di sabato 29 ottobre, con una breve cerimonia alla quale hanno partecipato il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e l’assessore all’Ambiente Giulio Guerzoni, insieme ai residenti del quartiere, il nuovo parco di via Gerosa intitolato alle vittime di Utoya.

parco-utoya-nordic-walking“Ci eravamo presi un impegno con i cittadini che da tempo attendevano un parco – ha detto il sindaco nell’intervento che ha accompagnato il taglio del nastro – e lo abbiamo rispettato”. La realizzazione dell’area verde, che unisce la zona di via Canaletto sud e via Finzi, rientra a pieno titolo, ha ricordato Muzzarelli, nelle azioni di riqualificazione della parte nord della città con al centro la fascia ferroviaria e il quartiere Sacca che il Comune sta portando avanti con l’obiettivo di reagire alla crisi.

Il parco, realizzato con un investimento complessivo di circa 200 mila euro, ha un’estensione di 25 mila metri quadrati, è illuminato con 26 corpi illuminanti a led installati da Hera Luce, attrezzato con una fontanella, sedute, camminamenti e giochi per bambini. Già nella scorsa primavera sono stati piantumati circa 150 alberi, tra i quali aceri, carpini, frassini, bagolari, ginko biloba, platani, querce e tigli. I lavori di livellamento del terreno, inizialmente più basso rispetto alla sede stradale, sono stati realizzati con terreno e sabbia provenienti dagli sbancamenti del terreno di gioco dello stadio Braglia e del cantiere della scuole Mattarella.

Il parco di via Gerosa è stato intitolato alle vittime innocenti uccise dal neonazista Anders Breivik sull’isola di Utoya, in Norvegia, su richiesta del Consiglio comunale con un ordine del giorno approvato all’unanimità nel 2012. L’intitolazione è stata effettuata il 22 luglio scorso, in anticipo rispetto al completamento del parco, per farla coincidere con l’anniversario dell’attentato e commemorare in questo modo le vittime.