“Storie di resistenze / storie dimenticate”, il 20 aprile incontro collegato alla mostra “Modena-Tirana”

Sbarco di soldati italiani nel porto di Durazzo- 1939MODENA – Si intitola “Storie di resistenze / Storie dimenticate” l’incontro, dedicato alle vicende degli italiani rimasti in Albani dopo l’8 settembre 1943, in programma mercoledì 20 aprile, alle 16.30 nella sala ex Oratorio del Palazzo dei Musei di Modena e collegato alla mostra “Modena-Tirana. Andata e ritorno”, allestita nella Sala Boni dei Musei civici fino al 5 giugno 2016. L’iniziativa, aperta a tutti, è promossa dai Musei civici, da Moxa, dall’Accademia militare di Modena e dall’Anmig (Associazione nazionale mutilati e invalidi).

La mostra “Modena-Tirana. Andata e ritorno” e gli eventi a essa collegati hanno offerto squarci del vissuto di intere generazioni da cui emerge il filo di un costante rapporto tra “le due sponde dello stesso mare”, talora drammatico e conflittuale, in altre occasioni comune e solidale.

Sullo sfondo della Seconda Guerra Mondiale e degli anni immediatamente successivi si collocano le vicende e i personaggi che verranno raccontati nel corso dell’appuntamento di mercoledì 20 aprile: dopo i saluti del presidente di Moxa Marco Turci e di Adriano Zavatti, presidente di Anmig, interverrà Alberto Zignani, generale di Corpo d’armata, comandante dall’Accademia Militare dal 1992 al 1995 e figlio di Goffredo Zignani, fucilato dai tedeschi in Albania nel 1943 e decorato della Medaglia d’oro al Valor militare italiano e della Medaglia d’oro delle Aquile al Valor militare albanese. La figura del padre, schieratosi con le formazioni partigiane albanesi dopo l’armistizio, emerge dalle fotografie che vengono proiettate nel corso dell’intervento e dalla lettura di una struggente lettera scritta da Zignani il 20 settembre del ’43 a un commilitone per indurlo a non consegnare le armi ai tedeschi.

Il secondo intervento a cura di William Bonapace, docente di storia e filosofia, giornalista, impegnato nel campo della solidarietà dagli anni ’90, racconta le storie di centinai di italiani perseguitati dal regime di Hoxha e “dimenticati” per circa quarant’anni dal Governo italiano. A conclusione degli interventi è prevista una visita guidata alla mostra.

“Modena-Tirana. Andata e ritorno” è visitabile gratuitamente da martedì a venerdì: dalle 9 alle 12 (con possibilità di apertura pomeridiana per gruppi di minimo 20 persone su prenotazione); sabato, domenica e festivi: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19; chiuso i lunedì non festivi. Informazioni online (www.museicivici.modena.it).