Una Scuola del Sole anche a S. Carlo

Inaugurazione impianto fotovoltaico San CarloInaugurato l’impianto fotovoltaico

CESENA – Anche il complesso scolastico di San Carlo è diventato una “Scuola del Sole”. Nei giorni scorsi è stato inaugurato ufficialmente l’impianto fotovoltaico, che garantirà all’istituto la fornitura di energia elettrica nel rispetto dell’ambiente e consentendo anche un risparmio economico. Con questo nuovo ingresso sono 28 i plessi cesenati alimentati da fonti rinnovabili.

L’impianto collocato sul tetto dell’istituto è di 10 kW e ha la capacità di produrre in un anno circa 11.900 kWh, consentendo così di coprire circa il 465% del fabbisogno di energia elettrica dell’edificio. Al taglio del nastro, accanto agli studenti e agli insegnanti, erano presenti il Sindaco Paolo Lucchi, l’Assessore alla Sostenibilità Ambientale Francesca Lucchi insieme ai tecnici di Energie per la Città, che ha curato l’opera.

L’intervento realizzato a San Carlo infatti rientra nell’ambito del progetto “Scuole del Sole, avviato nel 2011 dall’Amministrazione comunale di Cesena all’interno del più ampio progetto Cesena obiettivo 20 – 20 – 20 che, in coerenza con quanto stabilito dall’Unione Europea, mira a ridurre i consumi energetici e le emissioni di CO2 del 20% e, al contempo, di produrre il 20% dell’energia complessiva consumata da fonti rinnovabili entro il 2020.

“La conferenza sul clima di Parigi appena conclusa, – sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alle Politiche Ambientali Francesca Lucchi – ha richiamato tutti alla necessità di prendere immediati provvedimenti per contrastare i mutamenti climatici. Per quanto ci riguarda, dopo questo appuntamento cruciale, sentiamo rafforzata la nostra volontà di andare avanti sulla strada intrapresa con l’avvio dei progetti del Piano Energetico Comunale, fra cui c’è appunto quello delle ‘Scuole del Sole’. Ma siamo consapevoli che, accanto agli interventi strutturali, alle scelte tecnologiche più innovative, è indispensabile anche uno scatto di coscienza collettivo su questi temi. Per questo contemporaneamente siamo impegnati in un’operazione di carattere culturale, intervenendo nelle scuole, il luogo formativo per eccellenza, per stringere un’alleanza con le famiglie e insegnare ai bambini e ai giovani che vivere in una città e in un mondo migliore dipende anche da noi”.