Da Salsomaggiore a Rimini, tutti in Vespa come una volta

AudaxLa manifestazione si svolgerà sabato 21 e domenica 22 maggio, e rievocherà una famosa gara di regolarità svoltasi negli anni ’50. Presentata ieri mattina in Provincia dal Presidente Fritelli, da Galvani e Cagni dei Vespa Club di Parma e Montecchio gli organizzatori, con il vespista Ormisde Artoni che vi partecipò nel 1958

PARMA – Sono una novantina le Vespe di tutte le cilindrate e i modelli, anche d’epoca, provenienti da tutta Italia e dall’estero, che parteciperanno nel prossimo week end alla “Audax Salsomaggiore – Rimini, Rievocazione storica internazionale”.

La manifestazione sportiva, che ripercorrerà la strada di una famosa gara di regolarità internazionale sulle due ruote svoltasi negli anni ’50, è inserita nel calendario storico sportivo del Vespa Club Italia, prevede tre controlli orario e tre controlli timbro lungo il percorso di 320 Km, con una sosta ristoro a circa metà percorso a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena. La partenza è per sabato 21 maggio, alle 7, da Salsomaggiore.

A organizzarla i Vespa Club di Parma e Montecchio (Reggio Emilia) e il Registro Storico Vespa, in collaborazione con i Club di Collecchio, Reggio, Correggio, Castelfranco Emilia, Maranello, San Giovanni in Persiceto, e con il patrocinio della Provincia di Parma, dei Comuni di Salsomaggiore, Rimini e San Polo d’Enza.

L’evento è stato presentato ieri mattina in Piazza della Pace dal Presidente della Provincia e Sindaco di Salsomaggiore Filippo Fritelli, e dai Presidenti dei Vespa Club di Parma Daniele Galvani e di Montecchio Gabriele Cagni. Era presente anche Ormisde Artoni vespista che nel 1958 di classificò 24° alla Salsomaggiore – Rimini di allora e che parteciperà anche alla partenza della manifestazione sabato mattina, a testimonianza di una passione che il tempo non ha scalfito.

“Ben volentieri patrociniamo questa iniziativa, che collega due punti di eccellenza turistica del territorio emiliano – romagnolo, Salsomaggiore e Rimini. E lo fa con un mezzo di trasporto che è diventato ormai mitico: la Vespa, lo scooter più famoso al mondo, che ha fatto sognare e viaggiare intere generazioni, è diventato in settant’anni un simbolo stesso dell’ Italia, della sua creatività e del suo ingegno.” ha sottolineato Fritelli, che ha ricordato con nostalgia la Vespa dei suoi sedici anni.

“L’intramontabile scooter della Piaggio, progettato dell’ingegnere aeronautico Corradino D’Ascanio, prodotto in 18 milioni di esemplari dal 1946 ad oggi, è ancora protagonista sulle strade di tutto il mondo, immortale nonostante lo scorrere degli anni – ha affermato Galvani – e anzi la Vespa è amata oggi più di ieri, al punto da essere per i suoi cultori un oggetto da collezionare, restaurare e curare nei minimi dettagli.”

“Anche nell’organizzare questa rievocazione storica abbiamo messo lo stesso entusiasmo e la stessa cura, a partire dalle tute bianche che indosseranno i partecipanti, simili a quelle dei Vespisti degli anni ’50 – ha spiegato Cagni – E la nostra passione si è dimostrata contagiosa: abbiamo iscrizioni da ogni parte d’Italia, veneti, marchigiani, lombardi, dalla Val Camonica a Torino a Napoli, ma anche dalla Germania e dal Belgio, folta la rappresentanza emiliano – romagnola.”