Riprendono i “Parma nel Cuore del Gusto tours”

Dopo il successo dei tours enogastronomici del 2016, da marzo tante nuove proposte di escursioni per tutti i gusti, con visite guidate ai luoghi di produzione di Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma e Vini dei Colli e itinerari eno-gastronomici in città

2017 01 31 Casa ParmaCuoregustotour1PARMA –  Scoprire la bellezza del nostro territorio e assaporare alcuni dei nostri prodotti enogastronomici distintivi: sono questi gli obiettivi dei “Parma nel Cuore del Gusto Tours”, una iniziativa già testata con successo da maggio a dicembre dell’anno appena concluso, con l’attivazione di tre navette che hanno percorso i suggestivi itinerari al sabato mattina, al sabato pomeriggio e la domenica mattina, da Parma a Langhirano e da Parma a Bardi. I tours riprenderanno dunque da marzo 2017 per permettere ai turisti e appassionati di visitare e riscoprire i luoghi della produzione delle eccellenze del territorio parmense, come il Prosciutto di Parma, il Parmigiano Reggiano e i Vini dei Colli.

Ne hanno parlato, ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa, Cristiano Casa, assessore al turismo, commercio ed attività economiche del Comune di Parma; Giordano Bricoli, sindaco di Langhirano, Valentina Pontremoli sindaco di Bardi, alla presenza di diversi tour operator, tra cui Maestro Travel Experience, Parma Incoming e AssaporAppennino e di Stefano Cantoni di Confesercenti Parma.

“Proponiamo anche per il 2017 i “Parma nel Cuore del Gusto tours” – ha spiegato l’assessore al turismo Cristiano Casa – dopo gli ottimi risultati avuti nel 2016, attraverso la promozione di un prodotto turistico che ha colto nel segno ed ha visto l’apprezzamento di tanti turisti grazie alla sinergia di azione tra Comuni di Parma, Langhirano e Bardi e la visita a caseifici, prosciuttifici ed ai castelli di Torrechiara e Bardi, partendo da Parma. L’aspetto più importante legato a questo tipo di proposta è che ha fatto da volano ad altre attività imprenditoriali collaterali. Abbiamo creato nuovi prodotti turistici con il coinvolgimento del territorio per fare in modo di ampliare la permanenza dei turisti in città”.

Il sindaco di Bardi, Valentina Pontremoli, ha parlato di una “bellissima iniziativa creata grazie all’unità di intenti dei Comuni di Parma, Bardi e Langhirano che ha avuto ricadute molto positive sul territorio e l’apprezzamento dei visitatori”.

“Collegare la città al territorio della provincia – ha precisato il sindaco di Langhirano Giordano Bricoli – è stata un’idea vincente che è nata e si è sviluppata puntando sul tema del cibo e della gastronomia strettamente connesso con quello delle eccellenze storico e culturali del territorio, con un’operazione certamente positiva per lo sviluppo. Si tratta di un progetto destinato a crescere su cui continueremo a investire”.

Soddisfazione è stata espressa dai tour operator presenti alla conferenza stampa che hanno parlato di una proposta che ha avuto un ottimo riscontro. In particolare i rappresentanti di Maestro Travel Experience hanno parlato del 2016 come di un grande anno per il turismo a Parma.

L’iniziativa, promossa dal Comune di Parma insieme al Comune di Langhirano e di Bardi, grazie alla collaborazione con i tour operator Maestro Travel Experience, Parma Incoming, Food Valley Travel, Assapor@ppennino, 7 Stelle Viaggi e Turismo e lo IAT del Comune di Parma, ha visto partire da piazza Garibaldi le navette, con visite guidate sia in italiano che in inglese, con degustazioni nei luoghi della produzione del Parmigiano Reggiano, del Prosciutto di Parma e dei Vini dei Colli, aderenti al club di prodotto “Parma nel cuore del gusto”, con escursioni al Castello di Torrechiara e al Castello di Bardi e pranzo o cena con prodotti tipici.
Da maggio a dicembre 2016 i tours enogastronomici hanno registrato un totale di 243 visitatori (85 il sabato mattina, 88 il sabato pomeriggio e 70 la domenica), per una media di 33 persone al mese. I principali target appartengono alle categorie definite “Baby boomers” e “Generation X”, con provenienza prevalentemente straniera. La quasi totalità dei turisti partecipanti è venuta a conoscenza dell’iniziativa direttamente dall’Ufficio Turistico.

Attraverso un breve questionario di gradimento compilato alla fine dei tours è stato possibile rilevare che i partecipanti hanno gradito i percorsi nella loro organizzazione generale, apprezzando in particolar modo l’unione tra cibo, cultura e tradizioni. Molti turisti hanno inoltre gradito partecipare ad un tour composto da piccoli gruppi accompagnati da guide preparate con un’ esposizione personale del racconto.

Oltre alle navette organizzate dai 3 Comuni, molte sono state le offerte alternative organizzate dai singoli tour operator: Maestro Travel Experience ha lanciato per la prima volta in città l’iniziativa del Tastybus dedicato all’aperitivo in cantina e alla visita giornaliera nei prosciuttifici e caseifici del territorio; mentre Assapor@appennino ha proposto la visita al Castello di Torrechiara con guida in costume d’epoca abbinata alla visita al prosciuttificio o ad un caseificio con degustazione.

Per incentivare inoltre una mobilità alternativa e sostenibile il Comune di Parma grazie alla collaborazione con Infomobility e Fiab Bicinsieme ha proposto tour enogastronomici in bicicletta con degustazione e grazie alla collaborazione con le guide turistiche aderenti a “Parma nel Cuore del Gusto” ha proposto passeggiate alla scoperta dei tesori in città con sosta e degustazione di prodotti tipici.
Informazioni, prenotazioni e acquisto biglietti anche last minute presso lo IAT di Parma al numero 0521218889.