Ripascimento della costa, interessato il litorale adriatico da Ferrara a Rimini

Aperto ieri a Milano Marittima (Ra) l’ultimo degli ripascimento-litorale adriaticootto cantieri

BOLOGNA – Avviato ieri a Milano Marittima (Ravenna) l’ultimo degli otto cantieri per il ripascimento della costa, un’opera da 20 milioni di euro che interessa un’ampia fascia del litorale emiliano-romagnolo, da Ferrara a Rimini: Misano, Cesenatico, Riccione, Rimini nord, Bellaria-Igea Marina, Lido di Dante, Punta Marina e Lido di Spina. Ieri mattina, alla presenza dell’assessore regionale alla Difesa del suolo, Paola Gazzolo, è iniziato il prelevamento della sabbia, che dal deposito sottomarino situato a 55 chilometri al largo della costa sarà portata sulla spiaggia.

Con la chiusura del cantiere prevista entro la fine della settimana, termineranno i lavori del cosiddetto “progettone”, avviati in aprile: si tratta del primo maxi intervento ultimato in tutta Italia tra i 33 previsti dal Piano nazionale contro le alluvioni nelle aree metropolitane. Fortemente voluto dalla Regione Emilia-Romagna – che ne ha ottenuto l’inserimento nel Piano nazionale e lo ha cofinanziato con 1,5 milioni di euro – il ripascimento permetterà di portare sulla costa regionale 1,2 milioni di metri cubi di sabbia e di mettere in sicurezza 8 tratti particolarmente critici, per 10 chilometri di litorale emiliano-romagnolo interessati da erosione, subsidenza e rischio di ingressione marina negli abitati.