Rimini, il ritorno di Lola Star alla conquista del Grattacielo

Mercoledì sera 21 giugno la popolare drag queen  in scena al Chupitos Bar con nuove coreografie e dj set. Tra le novità del 2017 un canale YouTube dove il trasformista pubblicherà le sue coreografie sui pezzi più in voga del momento come il tormentone Despasi

LOLA_STARRIMINI – Lola Star alla conquista del grattacielo di Rimini. E’ un grande ritorno quello di mercoledì sera 21 giugno alle 21 per la drag queen più popolare e amata dell’Emilia Romagna al Chupitos Bar ai piedi dello storico edificio tra i moderni simboli del capoluogo romagnolo.

Un leggero infortunio alla caviglia subito dal suo ideatore, o meglio, dal corpo che dà vita al personaggio, il trasformista siciliano Francesco Gibilaro aveva tenuto Lola Star lontana dai palcoscenici emiliani in questo scorcio di fine primavera. Il tempo necessario per riprendersi, fare qualche tonificante bagno con scivolo in diretta per i suoi fan di Facebook dall’Atlantica Park di Cesenatico ed eccola tornare con i pezzi forti che da ormai quattro anni infiammano le serate d’estate della riviera romagnola, un dj set che la vedrà in consolle e altre attesissime nuove coreografie, studiate nei minimi particolari dall’artista siciliano, come il tormentone delw 2017 Despasito che presto potremo vedere anche sul nuovo canale YouTube dove Francesco pubblicherà i video delle coreografie realizzate in costumi da drag queen oppure in quelli del suo riuscitissimo personaggio maschile, MrCubanito, quest’anno direttore artistico di animazione e spettacoli di buona parte dei bagni di Valverde a Cesenatico.

Francesco_Gibilaro_2016Francesco Gibilaro, 26 anni di Caltanissetta, ha suscitato nelle scorse stagioni l’attenzione di stampa, radio e tv, divenendo protagonista di una puntata della trasmissione di Italia Uno, Le Iene e di numerose interviste rilasciate a giornali locali e nazionali per la sua storia personale che l’ha reso convinto testimonial per i diritti civili lgbt e soprattutto contro l’omofobia nelle province del Mezzogiorno d’Italia. Impegno che l’ha portato a incontrare anche il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta e a militare nell’associazione GayLib. Nel 2016 a Bologna è stato premiato come personaggio drag rivelazione dell’anno.