Rimini: Prostituzione, pallinari, ma anche tutela del verde pubblico: nel 2016 elevate sanzioni per circa 436mila euro

L’attività della Polizia Municipale a tutela del decoro urbano

Polizia municipaleRIMINI – Sono stati 691, per un ammontare di sanzioni pari a 435.800 euro, i verbali elevati nel corso del 2016 dagli agenti della Polizia Municipale che riguardano le violazioni al regolamento di Polizia Urbana. Violazioni che spaziano dai fenomeni che maggiormente impattano sul degrado urbano, come la prostituzione, i pallinari e la mendicità, fino a comportamenti meno ‘gravi’, ma che comunque incidono sulla vita della comunità, come la mancata cura delle aree verdi e delle aree private.

La parte più corposa di queste sanzioni interessano due fenomeni che soprattutto durante la stagione estiva emergono con maggior forza, a partire dai pallinari, che lo scorso anno si sono presentati in maniera consistente soprattutto nella zona dei viali delle Regine: ben 299 i verbali elevati per la violazione dell’articolo 3 del regolamento di polizia urbana che punisce chi organizza e partecipa al gioco delle tre campanelle con sanzioni da mille euro ciascuno. Sugli stessi numeri i verbali che riguardano la prostituzione: 289 le sanzioni per il mancato rispetto dell’ordinanza sindacale contingibile e urgente (valida dal 1° giugno al 15 ottobre 2016), che puniva con 400 euro tutti coloro che ponevano in essere comportamenti diretti ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, ma anche chi è veniva sorpreso a richiedere informazioni concordando l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento. A queste su aggiungono le 15 violazioni dell’articolo 32 del Regolamento di Polizia urbana: 9 per domanda ed offerta di prestazioni sessuali a pagamento su suolo pubblico (1.000 euro di sanzione), 6 per “meretricio con abbigliamento indecoroso”, punito con 200 euro di sanzione.

Sono state invece 39 per un valore complessivo di 3.900 euro le sanzioni elevate nei confronti di chi è stato fermato mentre chiedeva soldi (o offriva servizi in cambio di denaro) nei parcheggi pubblici, nelle zone vicino a strutture sanitarie o commerciali. Sono state 16 invece le persone sanzionate per mendicità.

L’attività comprende anche una serie di interventi e di controlli su tutto il territorio, tra parchi e strade, dal mare alle zone più interne, fondamentale per contrastare i fenomeni di degrado urbano e salvaguardare la vivibilità della città. In particolare sono state 31 le violazioni registrate in violazione a due articoli del regolamento di polizia urbana (per un totale di sanzioni di 6.200 euro) che riguardano il decoro e la pulizia delle aree private e del verde pubblico. Nel primo caso, il regomento ha come obiettivo quello di prevenire l’abbandono indiscriminato di rifiuti e l’insediamento dei nomadi in transito e sanziona chi non rispetta alcune prescrizioni; nel secondo si sanziona chi bivacca nei parchi e nei giardini pubblici, chi manomette le aiuole e più in generale il verde pubblico. Due invece i proprietari di cani sanzionati per il mancato rispetto dell’obbligo di museruola e guinzaglio, violazione che comporta una multa da 50 euro.

“Anche nel 2017 – è il commento dell’Amministrazione comunale – la Polizia Municipale manterrà alto l’impegno a contrasto di quei fenomeni che creano allarme sociale, quale la prostituzione o i ‘pallinari’ che raggirano i turisti nella stagione estiva. Allo stesso tempo non mancherà l’attenzione su tutte quelle violazioni che possono apparire minori, ma che servono a prevenire il degrado e tutelare il decoro urbano”.