Rimini, Presentazione di “Il vaccino non è un’opinione”

Sabato 12 novembre, alle 17.30, il libro del virologo Roberto Burioni sarà presentato nella Sala del Giudizio del Museo della Città

RIMINI . “L’ho scritto per i tanti genitori che vaccinano con il cuore pieno di paura, impegnandomi a rendere semplici le cose difficili per restituire a loro ed ai loro bimbi la serenità che gli è stata rubata dalle bugie. L’ho scritto per i bimbi che non vengono vaccinati, usando le parole più convincenti che conosco per raccontare la verità ai loro genitori sperando di riuscire a prenderli per mano conducendoli – con la forza della scienza – a fare la cosa giusta per i loro figli e per tutti noi”. Sulla sua pagina Facebook, diventata ormai un punto di riferimento per tantissime persone, il virologo di fama internazionale Roberto Burioni spiega le ragioni che l’hanno spinto a scrivere il libro “Il vaccino non è un’opinione”, volume che si pone l’obiettivo di fare chiarezza nel dibattito sulle vaccinazioni che sta tenendo banco nell’opinione pubblica ormai da diverso tempo. Il libro sarà presentato sabato 12 novembre alle 17.30 alla Sala del Giudizio del Museo della Città di Rimini (via Tonini 1, ingresso libero), una conversazione con l’autore condotta da Raffaella Angelini, direttrice del dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl Romagna, al quale parteciperanno il sindaco Andrea Gnassi e il vicesindaco Gloria Lisi.

Per Roberto Burioni, virologo di esperienza docente al San Raffaele di Milano, non esiste la discussione vaccino sì o vaccino no: secondo l’esperto soltanto la vaccinazione in età neonatale consente di sfuggire ad alcune malattie che, a volte, possono mettere a rischio la vita stessa del bambino. In considerazione dell’acceso dibattito che è esploso negli ultimi anni sulla presunta pericolosità dei vaccini e sul legame con l’autismo, Burioni ha deciso di portare il suo impegno medico anche su Facebook, con un approccio diretto, chiaro e autorevole.

“…Mi limiterò a spiegarvi che i vaccini sono sicuri ed efficaci e che a non vaccinarsi (e a non vaccinare i figli) si corrono rischi molto gravi – si legge nelle prime pagine del libro – Ve lo farò capire con i fatti, inoppugnabili, supportati da decenni di ricerca scientifica condivisa e accettata dalla comunità medica mondiale, smascherando le mille bugie che vi raccontano personaggi ignoranti o in malafede (o entrambe le cose insieme). Bugie che, se credute, mettono a rischio i vostri figli e l’intera società nella quale viviamo. Così, nel malaugurato caso in cui queste menzogne vi abbiano impaurito o impressionato, spero di riuscire a tranquillizzarvi e a condurvi verso scelte basate su fatti veri e indiscutibili. Perché, per l’appunto, il vaccino non è un’opinione. (…)”

“Per contrastare le tante, troppe, ‘bufale’ che circolano su internet e sui social, canali che non hanno controllo e dove chiunque può spacciarsi per esperto, è necessario diffondere una informazione scientifica seria, che consenta di far capire i rischi della mancata vaccinazione – commenta il vicesindaco Gloria Lisi – Una scelta pericolosa che non è solo una responsabilità individuale, ma ricade sulla comunità. Per questo motivo abbiamo deciso di invitare il professor Burioni, affinché possa chiarire dubbi, rispondere a domande, fare informazione seria, ma comprensibile anche a chi non ha competenze e dunque efficace”.

Roberto Burioni è docente ordinario di Microbiologia e Virologia la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. È responsabile di un laboratorio di ricerca immunologica volto allo studio della risposta immune contro patogeni umani, alla messa a punto di farmaci basati su anticorpi monoclonali umani ricombinanti e nell’utilizzo di strumenti molecolari per la diagnostica precoce di malattie infettive. È autore di numerosi lavori scientifici su riviste internazionali ed è stato relatore a numerosi congressi internazionali. È titolare di brevetti internazionali relativi a procedure di immunologia molecolare, anticorpi monoclonali umani e a farmaci immunologici. Dal 2010 è direttore della Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia.