Rimini, migliora la qualità della vita

comune di Rimini logoSecondo l’analisi del ‘Sole 24 Ore’, sale di nove posizioni. Gnassi: “Cogliamo segnali positivi per la ripresa”

RIMINI – “Non è una bussola, non misura la ‘temperatura’ reale dei territori. Altrimenti sarebbe un ben strano paziente quello che a distanza di pochi mesi passa da ‘sano come un pesce’ a ‘malato grave’. Oppure, cambiando il medico (la rilevazione imminente di un quotidiano concorrente), ci si scopre, al contrario del ‘primo parere’, virtuosi o disastrosi pur giudicati sugli stessi ‘sintomi’ (gli indicatori). Altalene che lasciano il tempo che trovano e che non necessariamente devono essere strumentalizzate, anche quando – come quest’anno – la graduatoria premia: quello che conta di più e davvero sono i progetti e i programmi di miglioramento e di ammodernamento della città e della comunità, che si attuano e si giudicano nel medio e lungo periodo.

Il commento dell’analisi sulla qualità della vita, pubblicata dal ‘Sole 24 Ore’, devo quindi essere sempre soppesato con la bilancia della relatività e, insieme, con l’aggiunta di un etto del necessario spirito ‘ludico’. E’ infatti impossibile comparare territori dalle caratteristiche sociali e economiche così differenti, come dimostra per Rimini l’ormai celebre questione della ‘correzione turistica’ che puntualmente gonfia la parte dei numeri relativi a sicurezza e ordine pubblico con risultati distorti.

Ma proprio perché comunque queste ricerche sono una base su cui ragionare, provo a formulare una sintesi andando al di là del buon dato statistico che comunque l’indagine 2015 del ‘Sole’ consegna al territorio riminese: 23esima posizione in Italia con un salto in avanti di 9 posti rispetto allo scorso anno, performance questa migliore tra tutte le province dell’Emilia Romagna. C’è il primato italiano nell’indicatore del tempo libero, il solito problema (comune a tutte le località a consistente flusso turistico) relativo ai dati della sicurezza, una conferma per quanto concerne tenore di vita e imprese. Se allarghiamo l’orizzonte dell’indagine agli anni della crisi economica generale (dal 2010 in poi), mi pare interessante sottolineare un aspetto: nella provincia di Rimini, incardinata principalmente su un’economia turistica e di servizi, le vere difficoltà economico e finanziarie sono arrivate con un paio di anni di ritardo rispetto ad altri territori caratterizzati da comparti industriali più tradizionali. Ma poi la crisi ha picchiato duro, soprattutto tra 2013 e 2014. Il 2015, anche per la statistica, segna una ripresa per l’area riminese. Il comparto del tempo libero, legato ovviamente alla solidità della nostra industria turistica, torna leader nel Paese mentre il tessuto economico tiene in quasi tutti gli indicatori (peggiora solo il rapporto tra sofferenze e impieghi bancari, a dimostrazione della complessa fase congiunturale del credito), confermando la vocazione dinamica dell’impresa riminese. Per quello che riguarda i servizi primari, la provincia di Rimini occupa la prima parte della classifica per la presa in carico negli asili nido e prosegue il suo positivo trend in relazione al tasso di emigrazione ospedaliera; indicatore quest’ultimo che fino a pochi anni fa ci relegava nelle posizioni di coda, poi recuperato via via grazie agli investimenti sulle strutture e sulle eccellenze sanitarie.

Sull’ordine pubblico abbiamo già detto nei giorni scorsi; la statistica è viziata da un fattore conosciuto a tutti- lo scarto tra residenti ufficiali e residenti effettivi in ragione del turismo- come ha avuto modo più volte di comunicare la stessa Prefettura di Rimini.

In definitiva, voglio cogliere dall’indagine odierna i segnali positivi, dopo un biennio molto complicato, da parte di un territorio che non si è arreso e sta mettendo le basi per rilanciare e intercettare l’auspicabile ripresa”.

Scheda qualità della vita Sole 24 Ore – Provincia di Rimini

CLASSIFICA FINALE: 23° posto Sole 24 Ore 2015 (+9 posizioni rispetto al 2014, performance migliore tra i territori dell’Emilia Romagna)

Andamento generale dal 2003 al 2015

37° posto anno 2003

36° posto anno 2004

14° posto anno 2005

11° posto anno 2006

17° posto anno 2007

39° posto anno 2008

10° posto anno 2009

17° posto anno 2010

11° posto anno 2011

4° posto anno 2012

27° posto anno 2013

32° posto anno 2014

23° posto anno 2015

Indicatori

Tenore di vita

59° posto Sole 24 Ore 2013

66° posto Sole 24 Ore 2014

57° posto Sole 24 Ore 2015

Affari e lavoro

36° posto Sole 24 Ore 2013

33° posto Sole 24 Ore 2014

34° posto Sole 24 Ore 2015

Servizi Ambiente Salute

16° posto Sole 24 Ore 2013

23° posto Sole 24 Ore 2014

24° posto Sole 24 Ore 2015

Popolazione

31° posto Sole 24 Ore 2013

21° posto Sole 24 Ore 2014

26° posto Sole 24 Ore 2015

Ordine pubblico/Criminalità

100° posto Sole 24 Ore 2013

101° posto Sole 24 Ore

109° posto Sole 24 Ore 2015

Tempo libero

5° posto Sole 24 Ore 2013

6° posto Sole 24 Ore 2014

1° posto Sole 24 Ore 2015

Dettagli indicatori

1. INDICATORE TENORE DI VITA (57° in graduatoria)

Valore aggiunto pro capite 38°; Patrimonio delle famiglie medio in euro 30° (nel 2014 29°); Importo medio pensione/euro 58° (nel 2014 71°); I consumi per famiglia in euro 55° (nel 2014 55°); Spesa per turismo all’estero 30°; Costo casa al metro quadro 95° (nel 2014 93°)

2. INDICATORE AFFARI E LAVORO (34° in graduatoria)

Imprese registrate/100 abitanti 9° (nel 2014 10°); Rapporto impieghi/depositi 22° (nel 2014 20°); Rapporto sofferenze/impieghi 82° (nel 2014 60°); Quota esportazioni su PIL 54° (nel 2014 55°); Tasso di occupazione totale 50° (nel 2014 53°); Imprenditori 18-29 anni per mille giovani 30° (nel 2014 22°)

3. INDICATORE SERVIZI AMBIENTE SALUTE (23° in graduatoria)

Indice di presa in carico negli asili nido 23° (nel 2014 22°); Indice Legambiente Ecosistema Urbano 33° (nel 2014 32°); Differenza tra mese più caldo e più freddo 42° (nel 2014 79°); Tasso di emigrazione ospedaliera 31° (nel 2014 36°); Cause evase su nuove + pendenti 37° (nel 2014 23°); Popolazione coperta da banda larga 43°.

4. INDICATORE POPOLAZIONE (26° in graduatoria)

Numero abitanti per Kmq 98° (nel 2014 96°); Saldo migratorio x mille residenti 16°; Separazioni ogni 10 mila famiglie 50°; Variazione percentuale quota giovani su popolazione 25° (39° nel 2013); Numero medio di anni di studio 16° (nel 2014 15°); Indice di vecchiaia 37°; Speranza di vita media alla nascita 3°.

5. INDICATORE ORDINE PUBBLICO (109° in graduatoria)

Scippi rapine e borseggi/100 mila abitanti 109° (nel 2014 107°); Furti in casa 100° (nel 2014 92°); Rapine per 100 mila abitanti 104° (nel 2014 97°); Estorsioni 99° (nel 2014 85°); Truffe e frodi informatiche 103° (nel 2014 88°); Variazione trend delitti 2014/2011 109°

6. INDICATORE TEMPO LIBERO (1° in graduatoria)

Librerie ogni 100 mila abitanti 4° (nel 2014 2°); Cinema ogni 100 mila abitanti 10° (nel 2014 9°); Ristoranti/Bar ogni 100 mila abitanti 6° (nel 2014 9°); Presenze agli spettacoli x mille abitanti 2°; Spesa totale turisti stranieri 14°; Indice di sportività 29° (nel 2014 47°)