A Rimini “Le Olimpiadi del 1936” per il debutto teatrale di Federico Buffa

Sabato 4 febbraio, alle ore 21, in scena al Teatro Novelli

Le Olimpiadi del 1936 -6RIMINI – Novelli tutto esaurito per il debutto in teatro del famoso storyteller sportivo, che racconterà al pubblico una delle edizioni dei Giochi Olimpici più controverse.

Le storie di sport sono storie di uomini. Sono storie che scorrono assieme al tempo dell’umanità, seguono i cambiamenti e i passaggi delle epoche, a volte li superano. Così le Olimpiadi del 1936 che Hitler e Goebbels volevano trasformare nell’apoteosi della “razza ariana”. Quelle Olimpiadi costruirono invece i simboli più luminosi dell’uguaglianza: con due atleti neri, Cornelius Johnson e Dave Albritton, sul podio del salto in alto, l’ebrea Helene Mayer oro nella scherma e il nero Jesse Owens che nell’atletica leggera di medaglie ne vinse ben quattro.

Le Olimpiadi del 1936 - 2Dopo il successo televisivo del programma “Federico Buffa racconta Storie Mondiali”, trasmesse su Sky, il cronista sportivo si cimenta per la prima volta con il teatro. Già tutto esaurito da giorni il Teatro Novelli per “Le Olimpiadi del 1936” l’atteso appuntamento di sabato 4 febbraio (ore 21 – Turno D – altri percorsi), che vedrà lo storyteller sportivo tra i più noti del piccolo schermo raccontare agli spettatori una delle edizioni più controverse dei Giochi Olimpici.

Mentre in quella calda estate il mondo assisteva in colpevole silenzio alla tragedia della guerra civile spagnola e la pace scricchiolava sull’asse Roma-Berlino-Tokyo, il coreano Sohn Ki-Chung vinceva la maratona con un peso sul cuore, forzato a competere per il Giappone che aveva colonizzato il suo paese nel 1910. Per la sua vittoria fu innalzata non la bandiera coreana, ma quella giapponese e fu l’inno giapponese a essere cantato nello stadio.
Lo spettacolo racconta le storie all’interno di un luogo senza tempo, un luogo dimenticato, sospeso tra il sogno e la realtà. Le racconta con le parole di chi c’era in quei giorni esaltanti e tremendi, le racconta con lo stile narrativo incalzante di Federico Buffa, le racconta con la musica e le canzoni evocative di un’epoca in bilico tra il sogno e la tragedia, le racconta con le immagini “rivoluzionarie” di Leni Riefensthal, “la regista che filmò il nazismo”.
In scena oltre a Buffa – che interpreta la parte di Wolgang Fürstner, il comandante del villaggio olimpico – i musicisti Alessandro Nidi, Nadio Marenco e la giovane cantante Cecilia Gragnani, personaggi evocati dal protagonista nel desiderio di poter rivivere quei giorni e quei luoghi della lontana estate del 1936.

Federico Buffa, classe 1959, oltre alla sua attività di telecronista di basket e commentatore sportivo, ha condotto alcune trasmissioni antologiche sempre legate al mondo dello sport, nelle quali ha dimostrato – secondo Aldo Grasso – di “essere narratore straordinario, capace di fare vera cultura, cioè di stabilire collegamenti, creare connessioni, aprire digressioni”, in possesso di uno stile avvolgente ed evocativo.

Federico Buffa
LE OLIMPIADI DEL 1936
(spettacolo sold out)
sabato 4 febbraio, ore 21 – Teatro Novelli (Turno D Altri percorsi)
di Federico Buffa, Emilio Russo, Paolo Frusca, Jvan Sica
pianoforte Alessandro Nidi
fisarmonica Nadio Marenco
voce Cecilia Gragnani
regia Emilio Russo e Caterina Spadaro
direzione musicale Alessandro Nidi
produzione Tieffeteatro Milano

Info biglietteria
La biglietteria del Teatro Novelli è aperta dal martedì al sabato dalle 10 alle 14, martedì e giovedì anche dalle 15 alle 17.30. Info biglietteria: 0541.793811.
Il programma completo con tutti gli spettacoli della Stagione teatrale, gli altri appuntamenti fuori abbonamento e tutti gli aggiornamenti sul sito www.teatroermetenovelli.it e sulla pagina facebook fb.com/teatronovelli.