A Riccione si discute sul processo democratico nei paesi arabi affacciati sul Mediterraneo

IncontriDal 17 al 19 e a seguire il 22 marzo si svolgerà la XIV edizione di ‘Incontri nel Mediterraneo’

RICCIONE (RN) – Quattro giorni di lavori a Riccione per costruire un ponte di democrazia e tra il mondo arabo e i paesi occidentali che s’affacciano sul Mediterraneo. Dal 17 al 19 e a seguire il 22 marzo si svolgerà la XIV edizione di ‘Incontri nel Mediterraneo’ dal titolo ‘Islam, democrazia e diritti nel mondo Arabo-Mediterraneo’. Le sale del Palazzo del Turismo della Perla Verde ospiteranno conferenze, dibattiti, concerti, mentre l’aula magna del Liceo Volta- Fellini ospiterà corsi su storia, archeologia e ambiente nel Mediterraneo, workshop di fotografia e assemblee.

Gli incontri del Mediterraneo sono nati dopo gli attentati alle Torri gemelle come risposta di dialogo e incontro allo scontro tra civiltà. Negli anni si sono affrontati grandi temi tra cui la Primavera araba, tutt’oggi di grande rilievo visti gli sviluppi nei diversi Paesi del Nord Africa (Tunisia, Egitto, Libia, Iran, Siria ecc.). A partire da questi sviluppi esimi esponenti italiani ed esteri si confronteranno sull’evolversi della libertà, democrazia e diritti umani nei paesi coinvolti dal fenomeno della Primavera araba.

Giovedì 17 marzo alle ore 17.00 si apriranno i lavori al Palazzo del Turismo . Alle 17.30 inaugurerà la mostra fotografica ‘Storie di Migranti’ di Livio Senigalliesi e alle 18.30 sarà proiettato il documentario ‘La primavera di Mohamed Bouaziz’. Alle ore 21.00 si terrà la conferenza ‘Donne e diritti civili nei Paesi arabi del Mediterraneo’ interverrà in collegamento da Roma, Emma Bonino, ex ministro degli Esteri e commissaria europea, Lina Ben Mhenni giornalista e attivista tunisina per i diritti umani, Jamila Hassoune marocchina fondatrice del Club del Libro e della carovana civica.

Venerdì 18 alle ore 17.30 sarà proiettato il documentario ‘Plus jamais peur’ del regista Mourad Ben Cheikh, a seguire alle 18.30 sarà presentato il libro ‘La libraia di Marrakech’ di Jamila Hassoune. Alle ore 20.00 si svolgerà il concerto di musiche mediterranee a cura del Trio La Rosa. Alle 21.00 si aprirà la conferenza ‘Primavere arabe a confronto: Tunisia ed Egitto’, interverrà Azzurra Meringolo, caporedattrice di Affari internazionali e coordinatrice scientifica di Arab Media Report, Lina Ben Mhenni, giornalista e blogger tuinisina, Kalthoun Ben Soltane, tunisina lettrice di lingua araba all’Università di Urbino.

Sabato 19 marzo alle 17.30 verrà proiettato ‘Tornare in Tunisia’ la storia di un migrante raccontata nel documentario di Davide Demichelis, tratto dal programma Radici di Rai 3. Alle 18.30 sarà presentato il libro ‘L’Islam è compatibile con la democrazia?’ di Renzo Guolo. Alle ore 20.00 il concerto di musiche del Mediterraneo con Frida Neri e Antonio Nasone introdurrà la conferenza delle ore 21.00 ‘Perché il cristianesimo sarebbe compatibile con la democrazia e l’Islam no?’ che vedrà l’intervento di Mourad Ayadi rappresentante dell’Associazione islamica Al Tawhid di Rimini, Renzo Guolo docente di sociologia della religione all’Università di Padova e Arrigo Chieregatti, sacerdote e teologo conoscitore della religione islamica, buddista e induista.

Nella mattinata del 22 marzo, dalle ore 9.30 alle 12.00, al Palazzo del Turismo si svolgerà una manifestazione in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua a cui parteciperanno anche Arpa Rimini, Romagna Acque e Petroltenica.