Reti. “Un giorno nel futuro”: l’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna incontra il territorio

regione emilia romagna logoDomani, giovedì 30 giugno, tocca a Bologna, quarta e ultima tappa del tour con l’assessore Donini. L’appuntamento con il camper della Regione ai Giardini Margherita a partire dalle ore 15

BOLOGNA – Prima a Vezzano sul Crostolo (Reggio Emilia), poi a Castel Bolognese (Ravenna) e a San Giovanni in Persiceto (Bologna). Domani, infine, tocca a Bologna città. Termina ai Giardini Margherita (l’appuntamento è nel piazzale Jacchia, a partire dalle ore 15) “Un giorno nel futuro”, tour in quattro tappe organizzato dalla Regione nel mese di giugno per far conoscere ai cittadini e al territorio contenuti e potenzialità dell’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna (ADER).

Il percorso viene compiuto da un apposito camper, che ha privilegiato finora quelle “aree interne” in cui il messaggio dell’Agenda Digitale rischia di arrivare in modo più flebile. Il camper è attrezzato con la dotazione standard prevista dal progetto regionale di formazione e alfabetizzazione informatica “Pane e Internet” e, di volta in volta, con strumenti dimostrativi delle potenzialità del digitale. Domani, all’appuntamento bolognese, sarà presente Raffaele Donini, assessore regionale all’Agenda digitale. Sarà possibile avere un “assaggio” di cosa significhi essere digitali, e approfondire gli ambiti in cui incide maggiormente l’introduzione delle nuove tecnologie.

L’Agenda Digitale, in sintesi
Un’Emilia-Romagna al 100% digitale, nel 2025. Un’Emilia-Romagna dove si vive, si studia, si lavora e si trascorre il proprio tempo libero utilizzando le tecnologie, Internet e il digitale in genere senza che tutto questo risulti un’eccezionalità. Una regione, dunque, in cui vengono pienamente soddisfatti i diritti digitali, con “zero differenze” tra luoghi, persone, imprese e città. Per raggiungere quest’obiettivo la Regione ha elaborato un documento di programmazione ad hoc, l’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna, che ha indicato a sua volta assi concreti su cui intervenire: infrastrutture (banda ultra larga, accesso digitale in più luoghi nelle aree urbane, data center e cloud per la pubblica amministrazione), dati e servizi, competenze e comunità. /CV