Categorie: BolognaRegione

Regione, Ambiente. Le aree carsiche gessose dell’Appennino romagnolo, bolognese e reggiano sono nella lista delle proposte italiane all’Unesco

Prosegue il percorso per aggiungere il sito nell’elenco dei Patrimoni mondiali naturali

BOLOGNA – La candidatura – proposta dalla Regione Emilia-Romagna e fortemente sostenuta dal ministero dell’Ambiente – delle aree carsiche gessose emiliano-romagnole all’elenco italiano dei siti naturalistici per il Patrimonio mondiale dell’Unesco, fa un nuovo passo avanti.

La Commissione nazionale italiana Unesco ha deciso infatti di inserire il sito “Grotte e carsismo evaporitico dell’Emilia-Romagna” nella “tentative list” (la lista che racchiude i siti selezionati dagli Stati proponenti e ritenuti di eccezionale valore universale, adatti al successivo inserimento nella “World Heritage List” dell’Unesco).

Il sito, costituito da varie aree carsiche gessose che si estendono dall’Appennino reggiano fino al faentino, rappresenta un patrimonio tra i più significativi a livello mondiale per sviluppo e profondità delle grotte.

Oltre ad essere quasi nella totalità già oggetto di tutela, le aree carsiche gessose sono le più studiate al mondo già a partire dal XVII secolo con i lavori del naturalista bolognese Ulisse Aldrovandi, e rappresentano una assoluta eccellenza del territorio per valenza scientifica, paesaggistica, naturalistica e culturale.

L’inserimento delle aree carsiche gessose emiliano-romagnole nella lista italiana rappresenta il frutto del lavoro di coordinamento di Università di Bologna e Modena e Reggio Emilia, Enti di gestione per i parchi e la biodiversità, Parco nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, Soprintendenza archeologica, enti locali, realtà territoriali e associazioni, svolto dalla Regione Emilia-Romagna a seguito della condivisione della proposta della Federazione speleologica dell’Emilia-Romagna, nella convinzione della straordinaria ricchezza di opportunità che un’attenta valorizzazione della geodiversità può offrire al territorio.

È il primo passo istituzionale di un percorso certamente lungo e complesso, ma che, in caso di esito positivo, porterà al prestigioso riconoscimento, per i siti gessosi del nostro territorio, di Patrimonio mondiale naturalistico Unesco.

Articoli recenti

25 maggio: Derek Brown in concerto per festival Crossroads

BAGNOCAVALLO (RA) - Tra le proposte più originali dell’edizione 2018 di Crossroads, il festival itinerante organizzato da Jazz Network e…

6 ore passati

Bando per richieste di concessione per l’utilizzo degli impianti natatori comunali stagione 2018/2019

PARMA -  Il settore Sport del Comune di Parma raccoglie tramite bando le richieste di concessione annuale e temporanee per…

6 ore passati

La Polizia municipale festeggia il 158° anniversario

Venerdì 25 maggio schieramento del Corpo e conferimento dei riconoscimenti agli agenti. Parteciperanno il sindaco, le autorità e gli studenti…

6 ore passati

L’Orogel Stadium sotto i ferri per prepararsi agli Europei 2019 under 21

Avviato l’intervento a cura del Comune per adeguare l’impianto alle normative Uefa CESENA - Archiviata venerdì scorso l’ultima partita del…

6 ore passati

“UN MARITO” di Italo Svevo, regia di Enrico Marcotti al Teatro Filodrammatici di Piacenza il 25 e 26 maggio

PIACENZA - Debutto per la nuova creazione della Società Filodrammatica Piacentina che con la sua Scuola di Perfezionamento Teatrale metterà…

6 ore passati

Unibo. Classici in Santa Lucia: Il Potere

Giovedì 24 maggio 2017 - Ore 21 "La prova del potere": Adriana Cavarero, Elena Bucci e Marco Sgrosso. Musiche di…

6 ore passati
L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Cookie

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice