Reggio Emilia, teatro contro il bullismo: quattro scuole premiate

teatro contro il bullismoREGGIO EMILIA – Si è classificato al terzo posto al concorso teatrale nazionale “No bulls be friends” – che significa un premio di 3.500 euro da dividere tra i quattro istituti coinvolti – lo spettacolo “Via la maschera bullo!” messo in scena dalle scuole superiori Galvani-Iodi e Zanelli di Reggio, Carrara di Guastalla e convitto Corso di Correggio con la collaborazione dell’associazione Pro.di.Gio. e del Centro teatrale europeo Etoile. La buona notizia è stata comunicata l’altro giorno dalla vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia con delega all’Istruzione, Ilenia Malavasi, ai dirigenti dei quattro istituti.

É stata infatti la Provincia a promuovere la partecipazione al concorso, nell’ambito del progetto promosso dall’Unione delle Province d’Italia e finanziato nell’ambito dell’iniziativa Azione ProvincEgiovani, nata da un’intesa tra la stessa Upi e il Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei ministri: l’iniziativa, aveva come obiettivo principale quello di sensibilizzare le nuove generazioni, attraverso l’arte del teatro, sul fenomeno del bullismo al fine di promuovere una cultura del rispetto e dell’accettazione di sé e dell’altro.

“Davvero complimenti, e un grazie sentito, ai ragazzi che hanno saputo mettersi in discussione su un tema così impegnativo, affrontandolo con impegno, serietà e tanta intelligenza e dimostrando grande capacità di analisi – commenta la vicepresidente Ilenia Malavasi – Come Provincia, cercheremo di dare continuità al progetto, per coinvolgere altre scuole e altri territori, avendo individuato una metodologia innovativa ed efficace, apprezzata tanto dagli studenti, quanto dai docenti”.

Dopo aver debuttato a Novellara lo scorso marzo ed essere stato in seguito messo in scena a Correggio (si sta allestendo lo spettacolo anche a Reggio), il video di “Via la maschera bullo!” è infatti risultato tra i più votati online ed è quindi stato sottoposto alla valutazione di una giuria di tecnici che hanno decretato i vincitori. Grazie al terzo posto il progetto reggiano ha ottenuto un premio di 3.500 euro – da utilizzare per materiale didattico o tecnologico – che è stato suddiviso tra i quattro istituti sulla base degli studenti (in tutto 62) che hanno partecipato.

“Quello curato da Etoile e Pro.di.Gio. è stato davvero un bel progetto, che ha permesso ai ragazzi di analizzare e mettere in discussione il concetto di bullismo attraverso un percorso educativo, trovando nella dimensione del gioco drammatico stimoli e motivazioni per comprendere il fenomeno – conclude la vicepresidente della Provincia – Sul tema del bullismo nelle scuole siamo impegnati sia aiutando i ragazzi a utilizzare la loro creatività per trattare, e dunque fronteggiare, un argomento difficile, sia aumentando il controllo e la sorveglianza, come conferma il recente investimento stanziato dalla Provincia per il Polo scolastico di via Makallé. Fondamentale resta comunque il ruolo anche di insegnanti, dirigenti e genitori per eliminare definitivamente uno dei comportamenti più a rischio durante l’adolescenza, spesso preludio di condotte più gravi anche all’esterno del mondo scolastico, che allarmano l’intera comunità».