Question Time, chiarimenti sulla rimozione dei veicoli per la pulizia delle strade

torre degli asinelli bolognaBOLOGNA – L’assessore Riccardo Malagoli, ha risposto questa mattina, in sede di Question Time, alla domanda d’attualità del consigliere Massimo Bugani (Movimento 5 stella) sulla rimozione dei veicoli per la pulizia delle strade.

Domanda del consigliere Bugani
“Visti gli articoli apparsi sulla stampa relativi al boom di rimozioni di veicoli a seguito della pulizia delle strade cittadine. Vista l’impossibilità di predisporre cartellonistica fissa con specifiche indicazioni sugli interventi dei mezzi adibiti alla pulizia delle strade, così come si legge sulla stampa si pone la seguente domanda di attualità: per conoscere il pensiero del Sindaco e della Giunta su questo argomento, per sapere, alla luce di questi fatti, se l’Amministrazione assieme ad Hera stia valutando soluzioni alternative per la tutela dei cittadini su questo tema, e se non sia possibile, durante il servizio di pulizia delle strade, elaborare modalità operative che non prevedano la rimozione delle auto in sosta”.

Risposta dell’assessore Malagoli
“Gentile Consigliere, il problema non è tanto e solo quello della rimozione delle auto, è più complesso, riguarda la pulizia della città. Sono anni che questa città utilizza l’attuale metodologia di pulizia, in particolare nel centro dove le strade che sono di difficile pulizia. Togliere lo sporco a fondo con le auto parcheggiate è difficile. Il programma della pulizia stradale è comunicato ai cittadini, mi sembra però che ci sia una sottovalutazione del tema, può capitare che uno vada all’estero e si dimentichi che in quella settimana viene fatta la pulizia delle strade, così come possono esserci altri problemi e quindi si lascia l’auto in strada. Ma c’è un incremento di persone che lasciano la macchina nei posti dove dobbiamo fare la pulizia, evidentemente non è solo una questione di forza maggiore ma, forse, si sottovaluta la pulizia della città salvo poi, giustamente, lamentarsene quando la città non è pulita o quando il decoro urbano viene messo in discussione da questo tipo di operazioni.
Qualcuno utilizza spazzatrici con braccio, ma creano grossi problemi sia per la richiesta danni che per il tipo di pulizia che viene fatta, è inevitabile che quando si sposta la macchina si trovi sporcizia.
Mettiamo in fila le priorità, come diceva lei qualsiasi cittadino può essere avvisato anche tramite telefonino, oppure lo usiamo solo per discutere su internet? Ci sono “app” che servono anche per fare una normale attività quotidiana, da questo punto di vista abbiamo fatto uno sforzo per mettere in campo degli strumenti che possano avvisare il cittadino anche in condizioni che può farsi spostare l’auto da altri. I cittadini però devono sapere che il decoro urbano si fa anche attraverso queste iniziative, durante la stagione invernale si sospende questa attività, appena la riprendiamo le strade – per il sale sparso quando c’è il gelo o lo smog in inverno è più presente con i riscaldamenti accesi – hanno necessità di essere sanificate. E’ dunque un provvedimento che oltre al decoro arriva anche togliere lo smog che si accumula sulla strada. Va fatto un invito ai cittadini ad aiutarci, non è che noi vogliamo fare cassa con le multe, faremo molto prima a pulire se non fossimo intralciati dalle auto in sosta. Il senso civico deve essere collettivo, vogliamo tenere pulita la città”.