Il progetto Migra-In per lo scambio di buone prassi sull’immigrazione arriva a conclusione

migra-inFORLÌ – Il Comune di Forlì è impegnato dall’aprile 2015 nell’implementazione del progetto Migra-In per lo scambio di buone prassi sui temi dell’immigrazione, con altri otto partner europei dalla Polonia, Germania, Romania, Bulgaria, Grecia e Ungheria, insieme anche al Comune di Fusignano.
Il progetto è ormai arrivato al termine, con l’organizzazione di 8 incontri transnazionali, l’ultimo dei quali a Cieszanóv (Polonia), tenutosi la settimana scorsa, che hanno permesso un confronto su di un tema controverso e difficile, visto il forte arrivo di rifugiati negli ultimi mesi ed uno scambio finalizzato a migliorare le prassi di accoglienza e di integrazione nei nostri territori. Gli incontri transnazionali hanno visto la partecipazione del Centro per la Pace di Forlì-Cesena, quale soggetto attivo sul territorio per promuovere i temi della pace e dell’accoglienza e di alcuni membri del Consiglio per gli Stranieri del Comune di Forlì, che è stato coinvolto nel progetto come esempio e strumento di partecipazione delle comunità straniere residenti a Forlì.

Il Consiglio dei cittadini stranieri ha lo scopo di favorire la partecipazione degli stranieri alla vita delle istituzioni e della società civile nonché promuovere denominatori comuni fra cittadini stranieri e italiani che abitano a Forlì.
Oltre a svolgere funzioni consultive e propositive rispetto all’attività dell’amministrazione comunale promuove l’incontro e il dialogo fra portatori di differenti culture realizzando momenti di informazioni, aggregazione e confronto.
La partecipazione del Consiglio al progetto Migrain segna un ulteriore passo verso una maggiore partecipazione della comunità straniera alle attività dell’Amministrazione e un nuovo protagonismo dentro un quadro europeo dei nuovi abitanti.