Il Presepe a Riccione è per tutti: animato, artistico e vivente

MangiatoiaRICCIONE (RN) – Come ogni dicembre, l’incanto innanzi alla Natività sta per ripetersi, passando attraverso presepi d’ogni genere e dimensione; ciascuno espressione del carattere e delle passioni di chi li realizza.

Sabato 19 dicembre Riccione diverrà ‘Città dei presepi’, con l’apertura di presepi animati, l’esposizione di presepi d’arte e il presepe vivente.

Dalle ore 16.00 alle 19.00 il presepe prende vita con la rappresentazione a cura delle Scuole della Fondazione Karis Foundation di Riccione.

Il presepe vivente, giunto alla diciassettesima edizione sarà itinerante e proporrà un vero e proprio show con luci scenografiche, coro e musiche. Sono cinque i quadri previsti, uno per ciascuna tappa. Si partirà dalla darsena del piazzale del porto con l’Annunciazione dell’Angelo a Maria che avverrà su un natante ormeggiato, proseguendo con La visita di Maria a Elisabetta sul molo di levante a fianco della statua della Madonna del Mare, mentre sulla pista ciclabile, nel tratto di Via Parini compreso tra Viale Dante e Viale Milano, saranno allestite botteghe artigiane animate dai bambini in costume storico. In Viale Bellini sarà allestito il terzo quadro raffigurante La corte del re Erode con il trono e figuranti della corte. Il corteo imboccherà Viale Dante fermandosi alla piazzetta del Condominio Parco dove su una piattaforma elevata si svilupperà L’Annuncio dell’Angelo ai Pastori. La rappresentazione si chiude con La Natività in piazzale Ceccarini. La capanna di Gesù Bambino sarà allestita sulla scalinata del Palazzo del Turismo. Bambini e figuranti canteranno e reciteranno di fronte al pubblico che potrà accomodarsi sulle sedute disposte su tutto il piazzale.

Dal 19 dicembre al 6 gennaio tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00 all’Arboreto Cicchetti si potrà visitare il sorprendente presepe animato di Maurizio Veterani.

Il Presepe a Riccione è per tutti animato, artistico e viventeSi tratta di uno dei presepi animati più grandi e suggestivi della Romagna, con ben 45 metri quadrati di scenografia e 16 metri lineari di frontale, all’interno del quale si muovono 600 personaggi costruiti artigianalmente. Il presepe ha preso forma e vita a partire dal 1989. Tutto si anima seguendo armoniosamente l’alternarsi del giorno e della notte, c’è tempo anche per temporali e nevicate. Ci sono persino i camini delle case che fumano, il ponte levatoio del castello di Erode che si alza e si chiude. Impossibile non rimanere sbalorditi di fronte alla minuzia di particolari e dettagli: da Maria che solleva il bambinello all’angelo che sbattendo le ali srotola la pergamena che glorifica il momento e poi ancora tantissimi mestieranti, fino agli animali che si muovono nei campi, nei laghi e in cielo. Tanti anche i particolari come il bacio degli innamorati oppure lo spaccapietre che carica e scarica i sassi all’interno della cava. L’ingresso prevede un costo di 2 euro, il ricavato sarà devoluto all’Associazione La Perla Solidale.

Sabato apre anche il presepe animato all’interno della sede Associazione Italiana Sclerosi Multipla in Via Abruzzi (zona Villa Alta) che resterà aperto tutti i giorni fino al 10 gennaio dalle ore 9.30 sino alle 21.00. Il presepe si sviluppa su oltre 30 metri quadrati e ha un fronte di 6 metri lineari. Al suo interno sono disposte un centinaio di statuine, molte delle quali interpretano mestieri in abitazioni fatte a mano, proprio come tutti i personaggi che compiono movimenti, ricavati dal legno e poi vestiti. Sono impiegati oltre 150 motori per animare l’intero plastico. La particolarità di questo presepe è la sincronizzazione delle attività svolte dai personaggi in funzione del ciclo giorno-notte, regolato da un cervellone computerizzato che calcola i tempi in rapporto con la lunghezza delle giornate dicembrine. Tutto è nato 40 anni fa da un gruppo di amici Edoardo Copponi, Stefano e Giorgio Tonti, Ciavatta Adriano, Eraldo Grossi e Rino Boschi che ha continuato la tradizione. L’ingresso è a offerta libera, i provendi andranno a sostegno di AISM.

Un altro presepe animato è quello costruito da Bertino Renzi ed esposto a Fontanelle in via Lavello, 5. Lo scenario si sviluppa in altezza su una superficie di 6 metri quadrati, con un alternarsi di vie e crocicchi che prendono vita con il procedere di carretti, pastori e artigiani. Una cittadella curata in ogni particolare ospita donne e uomini intenti a compiere gli impegni quotidiani e a rendere omaggio a Gesù Bambino cullato dall’amorevole Maria e riscaldato nella mangiatoia. Anche in questo caso l’animazione dell’intero presepe segue i ritmi di giorno e notte con i mestieranti che all’imbrunire terminano il loro lavoro e s’accendono le luci all’interno delle case. È visibile dal lunedì al venerdì dalle ore 16.00 alle 20.00 mentre sabato e domenica dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00 Dal 24 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016 aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00

Alcuni presepi sono così scenici da meritarsi persino una vetrina in viale Dante a pochissimi metri da Viale Ceccarini. È il caso del presepe realizzato con le sculture scolpite da Mario Urbinati, che ha ricavato dai tronchi portati a riva dal mare la Sacra Famiglia attorniata dai Re Magi e pastorelli, oltre alla stella cometa che li sormonta in cielo. Il presepe, molto amato dal pubblico perché già esposto in passato sulla tradizionale imbarcazione Saviolina ormeggiata lungo il porto canale, è stato allestito dall’Associazione Pantòs di Riccione.

La chiesa del Gesù Redentore in Viale Dante custodisce il prezioso presepe di statuine in legno scolpite a mano dallo scultore della Val Gardena Norman Kostner. Le statuite posizionate all’interno di un paesaggio tipicamente palestinese suscitano sentimenti di pace e bellezza e da anni sono meta di ammirazione e preghiera.