Presentato il 44° San Marino Rally

In campo grandi sinergie per una gara di successo

Conferenza stampaRICCIONE (RN) – E’ stata presentata ieri pomeriggio, lunedì, presso la sede di Asset Banca a Dogana di San Marino la 44° edizione del San Marino Rally. Il tavolo dei relatori era composto da Stefano Ercolani, presidente di Asset Banca, Teodoro Lonfernini, Segretario di Stato allo Sport e al Turismo, Renata Tosi, Sindaco di Riccione insieme Giovanni Zonzini, Presidente FAMS e Paolo Valli, Presidente del comitato organizzatore.

Grandi sinergie e fattiva collaborazione fra pubblico e privato. Sono questi gli ingredienti chiave del successo della manifestazione biancoazzurra. FAMS, Asset Banca, San Marino e Riccione uniti per una manifestazione in crescita che per il secondo anno, dopo il grande successo della scorsa edizione, ripropone la partenza da Riccione che quest’anno offre una posizione centralissima alla pedana di partenza, piazzale Ceccarini, proprio di fronte al Palazzo del turismo.

Novità 2016 è che la gara torna sugli sterrati di Gubbio per dare sempre nuovi stimoli a piloti ed appassionati.

Ma ecco i commenti delle parti in gioco:

Stefano Ercolani – Presidente Asset Banca. “Per noi è un grande piacere affiancare questa manifestazione del territorio che per il secondo anno si lega al comune limitrofo di Riccione. Due realtà vicine accomunate da questa positiva esperienza sempre in miglioramento. Credo che, come ben indica il manifesto, gli organizzatori abbiano colto nel segno andando in questa direzione.

Il San Marino Rally è anche la testimonianza di come si possa legare, con reciproca soddisfazione, il pubblico e il privato, la Fams, lo Stato di San Marino, il comune di Riccione e noi.”

Giovanni Zonzini – Presidente FAMS, Federazione Auto Motoristica Sammarinese. “Asset, nostro partner principale, è una realtà molto vicina allo sport e agli sportivi ed è grazie a loro che riusciamo a continuare il nostro impegno nell’organizzazione di questa nostra tradizionale manifestazione. Ringrazio anche il sindaco Renata Tosi perché Riccione è stato una scommessa. Inizialmente ci siamo scontrati con qualche critica dai sammarinesi gelosi del loro rally che si erano sentiti un po’ traditi, critiche poi sopite quando si sono palesati il fascino e il valore che Riccione offriva come vetrina, quando si sono visti gli stessi piloti emozionati nel salire sulla pedana di partenza in mezzo al tanto pubblico accorso a vederli. E’ stato un grande successo che replichiamo con convinzione. La novità di quest’anno, che per noi è un’altra sfida, è l’abbinamento con Gubbio, una città per alcuni versi molto simile a San Marino e a cui ben si collega, scelta anche perché in quella zona ci sono ancora oltre 700 km di strade sterrate e inoltre perché, grazie a una collaborazione molto bella nata con la federazione italiana si potrebbero avviare obiettivi futuri anche molto ambiziosi. Il riscontro dei piloti è molto positivo.”

Renata Tosi, Sindaco di Riccione. “E’ stato facile raggiugere un’intesa su questa collaborazione perché c’è una cosa che accomuna me e il Segretario Lonfernini e che non sempre è scontata: entrambi lavoriamo con grande passione e credendo in ciò che facciamo. Le cose si possono migliorare facendole insieme perché la forza è nella squadra. Si tratta di avere coraggio e osare per allargare l’orizzonte. Così si è portato all’interno dell’organizzazione dell’evento sportivo un po’ di spettacolo, un po’ di glamour grazie a una vetrina importante come viale Ceccarini che è sicuramente un valore aggiunto.

Ho solo un piccolo rammarico per non aver potuto, mio malgrado, accettare l’invito di Paolo Valli a partecipare attivamente provando una macchina. Potrebbe essere una nuova sfida per me per il prossimo anno perché mi sono resa conto che il rally è passione, veramente emozionante.

Quest’anno partiamo dal cuore della città, davanti al palazzo del turismo, in Piazzale Ceccarini, e grazie a questo sano modo di fare turismo saremo lieti di proiettare, con ingresso libero, il film di Accorsi, “Veloce come il vento”, offerto dagli organizzatori di Ciné, la manifestazione internazionale di cinema che ospitiamo in questi giorni a sottolineare ancora di più che il fare sistema regala ottime opportunità.”

Paolo Valli, Presidente del Comitato Organizzatore del San Marino Rally. “44 edizioni del rally sono una tradizione importante. Il San Marino Rally è una gara classica alla quale in genere gli equipaggi più importanti non vogliono rinunciare e per questo cerchiamo di continuare a dare contenuti all’altezza. E’ una delle uniche due gare su terra del Campionato Italiano valido anche per il Trofeo Rally Terra. Assieme ad Aci Sport abbiamo aggiunto il massimo dei contenuti possibili dando tutte le validità riconosciute al Campionato Italiano. Si aggiungono poi il San Marino Historic e il San Marino Regional. Quest’ultimo prevede la possibilità di partecipare ad una sola delle due tappe, in modo da soddisfare le esigenze più disparate dei tanti piloti appassionati. Proseguiamo con il San Marino Baja, seconda tappa del Campionato Italiano Cross Country e dulcis in fundo il San Marino Rally Show, una mini gara nell’ambito della manifestazione che prevede la partecipazione alla sola Speciale San Marino ripetuta tre volte. Un modo, per gli amanti della specialità, di cimentarsi su una prova speciale molto bella.

Un po’ di dati: saranno una quarantina gli equipaggi partecipanti al CIR, una quindicina al Baja, 12 al Regional, oltre 40 al San Marino Rally Show; non manca, poi, la presenza di equipaggi della parte storica appassionati di sterrato. In totale sono così oltre 100 le auto che si cimenteranno sulle prove del San Marino Rally. E’ un lavoro complesso organizzare una gara che si svolge quasi interamente su strade bianche soprattutto perché all’interno del nostro stato gli sterrati sono ormai inesistenti e si sono dovute cercare strade idonee nell’entroterra pesarese dove si svolge la prima tappa con le prove di Sestino e Selvanera e, novità di quest’anno, nella zona di Gubbio dove domenica si svolgeranno le due speciali di Nerbisci e San Bartolomeo, due classiche usate in passato del San Remo mondiale.

Fulcro della manifestazione rimane, comunque, San Marino dove si svolge la prova spettacolo, l’intero parco assistenza è nella zona del Multieventi di Serravalle, così come arrivo e partenza. Importantissimo il supporto della segreteria di stato che fin da subito ci ha dato il suo sostegno permettendoci di assicurare continuità alla manifestazione. Grazie anche al sindaco e al comune di Riccione per la bella sinergia creatasi nell’interesse reciproco.”

Teodoro Lonfernini, Segretario di Stato allo Sport e Turismo di San Marino. “Ritengo che a questo tavolo siamo riusciti a mettere tutti gli ingredienti utili per sviluppare un accordo consolidato che porta grande arricchimento. Un ringraziamento particolare va ad Asset Banca che continua a offrire grande supporto allo sport sammarinese in generale.

Ringrazio anche il sindaco Tosi, perché siamo riusciti ad arrivare ad una grande sinergia che vogliamo continui a svilupparsi in questi nostri territori sempre in movimento.

Siamo riusciti, assieme a Riccione, a far sì che un elemento essenzialmente sportivo come il rally entrasse in un ambiente più commerciale e fosse così non solo destinato agli addetti ai lavori ma lo abbiamo consegnato, grazie alla vetrina di Riccione, inusuale per l’ambiente rallystico, anche a un pubblico più vasto e diverso da quello degli appassionati.

Un ringraziamento va anche agli altri comuni interessati perché ci permettono di dare continuità ad un evento che era solo nostro, ma che ora, nonostante il nostro territorio abbia tanto da offrire, complice il maggior il benessere, ha un limite. Ci viene infatti a mancare uno degli ingredienti fondamentali, le strade sterrate, che abbiamo dovuto cercate fuori, in aree come Gubbio e Perugia che ci danno, così, la possibilità di perpetuare questa nostra manifestazione sportiva.

Gli ingredienti necessari ci sono tutti, unitamente al dinamismo della federazione, per portare avanti bene il lavoro fatto finora in modo che tutto si perpetui.”

(Nella foto da sinistra: Stefano Ercolani, Giovanni Zonzini, Teodoro Lonfernini, Renata Tosi e Paolo Valli)