Polizia provinciale. Dalla Regione Emilia Romagna 4 milioni

Petitti: “Il nostro impegno per garantire i servizi agli Enti locali.” Il provvedimento, in attuazione del processo di riordino, è stato approvato dalla Giunta regionale, per il mantenimento del corpo di presidio sui territori

BOLOGNA – La Regione Emilia-Romagna ha stanziato quasi 4 milioni di euro per la Polizia provinciale. Il provvedimento è stato approvato ieri dalla Giunta regionale e fa fronte agli impegni assunti con le Amministrazioni provinciali e con la Città metropolitana di Bologna per il mantenimento del corpo di presidio sui territori.
Con questo ulteriore passaggio viene data piena attuazione alla convenzione discussa nei mesi scorsi. Oltre a disciplinare il rapporto di lavoro del personale distaccato presso i vari enti, in attuazione del processo di riordino, è stato previsto un rimborso per l’utilizzo di beni e servizi del personale che permane presso le sedi provinciali. La Regione concorre alle spese del personale del corpo di polizia provinciale nella misura dei due terzi.

“E’ la positiva conclusione di un iter non semplice che ha coinvolto tanti soggetti, che ringrazio per la loro collaborazione- commenta l’assessore al Bilancio, Emma Petitti – ancora una volta la Regione Emilia-Romagna compie uno sforzo notevole per garantire i servizi degli Enti locali. Ricordiamo che questi stanziamenti si aggiungono agli oneri assunti per oltre 1.200 collaboratori trasferiti dalle Province”.

Nel dettaglio, la Regione ha impegnato 3,8 milioni di euro per la polizia più altri oneri per il funzionamento delle sedi provinciali. Seguiranno l’approvazione formale della convenzione, la sua firma e gli atti per il trasferimento delle risorse entro la fine dell’anno.