Piccolo Mondo Antico Festival

16-2012 festivalRIMINI – Piccolo Mondo Antico Festival offre a bambini e ragazzi proposte nuove, inerenti il tema della XIX edizione di Antico/Presente Festival del Mondo Antico “I FERRI DEL MESTIERE. La cultura del prendersi a cuore” che, traendo spunto dal decimo anniversario dell’apertura al pubblico della Domus del Chirurgo, guarda alla figura del medico e, più in generale, al concetto della cura. Proposte declinate sempre all’insegna del gioco, della creatività e del divertimento, in una narrazione che non può prescindere dall’esperienza e dal coinvolgimento plurisensoriale. Teatro di queste esperienze sono il Museo della Città, la Domus del Chirurgo, i luoghi e i monumenti storici di Rimini. Ma anche e, come già accaduto nelle edizioni precedenti del Festival, il Museo del Territorio di Riccione e il Museo Civico Archeologico di Verucchio che offrono attività specifiche per i ragazzi.

Un ricco programma che è ancora possibile prenotare dopo aver scelto le attività più adatte all’età e più vicine agli interessi personali.

21Foto_41.1502190010Si inizia venerdì 8 dicembre quando i più grandicelli (da 7 a 10 anni) potranno, per un giorno, vivere in un antico villaggio preistorico, diventando protagonisti di diversi momenti di vita (Succedeva in un villaggio neolitico…ore 10). Oppure provare a fronteggiarsi nel Torneo dei latrunculi, l’antico gioco da tavolo dei Romani, ambientato nella suggestiva cornice di Castel Sismondo (ore 10.30, iniziativa gratuita) nell’ambito della collaborazione con Matrioška Labstore.

Mentre i più piccoli (da 4 a 7 anni) si cimenteranno nel creare il proprio burattino: un legionario, un gladiatore (Burattini e marionette, ore 10.00).

Imperdibili le cacce al tesoro! Come quella organizzata fra Museo e Città per giovani esploratori. (I tesori di Rimini, ore 11, per bambini da 6 a 9 anni con famiglie). Avventure che proiettano anche in epoche diverse, portando i bambini (da 5 a 8 anni) a conoscere Sigismondo, audace condottiero (ore 11.30) attraverso la sua storia e i costumi del tempo. O a svelare i segreti di un mosaicista romano nel realizzare il particolare del mosaico al centro della sala della domus. (Crea il tuo mosaico, ore 11.30, da 9 a 12 anni). O ancora a costruire con forbici e colla il modellino della Domus del Chirurgo in 3D (ore 15, da 8 a 11 anni).

22 btricliinio - laboratorioAlla realizzazione di oggetti sonori e di suoni, nello spirito di aggregazione e di gioco, guida Il laboratorio Dire, fare, suonare. Alla ricerca di suoni ed emozioni (ore 15.30, da 3 a 6 anni)

Alle ore 16, famiglie con bambini da 5 a 8 anni vanno A caccia di storia!, un viaggio che riporta alle nostre origini in una divertente caccia al tesoro.

Come antichi pittori i ragazzi da 8 a 11 anni, alle 16.30, lavorano A più mani a un’opera d’arte, condividendo lo spirito di bottega che univa gli artisti.

La Domus e i suoi segreti sono protagonisti della narrazione animata Il chirurgo e lo strano caso del raffreddor d’amore (da 3 a 6 anni, ore 17) in cui potremo scoprire quale strana medicina sapeva preparare il chirurgo di Ariminum.

La mattina di sabato 9 dicembre si apre alle ore 10 con Fiori, piante e foglie … per i cinque sensi, un’attività per i più piccoli (da 4 a 7 anni) che potranno realizzare una rosa malatestiana profumata dopo aver ammirato fiori, piante e foglie riprodotti nelle opere del Museo. Mentre i più grandi (da 8 a 11 anni) vestiranno gli abiti degli antichi Romani per simulare un banchetto in una ricca domus (A banchetto da Sergius Papyrus, ore 10.30).

Una caccia al tesoro con protagonisti gli animali rappresentati nelle domus. (Gli animali in aiuto di Eutyches, ore 11.30) porterà i ragazzi da 5 a 8 anni a svelare particolari nascosti nelle stanze del Museo.

Immaginiamo ora di rivivere l’ultima notte del chirurgo Eutyches: l’arrivo dei barbari, la devastazione, il tentativo di fuggire, la fine, sullo sfondo di luci e suoni evocativi della distruzione…. E l’ambientazione di Chiedi alla polvere (ore 15.30, da 8 a 11 anni)

Ancora un invito a mettersi in gioco alla scoperta dei mosaici per realizzarne uno da appendere come un piccolo quadro (Tessera dopo tessera ore 16, da 4 a 7 anni) e a una sfida per ragazzi da 8 a 12 anni. Quella di cimentarsi in un laboratorio di pittura ispirato alla tecnica dell’affresco in epoca romana nelle vesti de II pictor imaginarius (ore 17.30)

Il programma chiude con una sorta di magia. Cosa succede se “batto” delicatamente un fiore su un tessuto? Accade appunto una magia che si chiama “hapa-zome”, un’antica tecnica tintoria giapponese semplice e divertente (Hapa-zome. Dipingere e stampare con la natura, ore 17.30, da 4 a 7 anni)

Spostandosi a Verucchio, presso il Museo archeologico, i ragazzi da 5 a 11 anni possono effettuare percorsi di visita del Museo con prove-gioco sul tema degli animali e del cibo (Caccia bestiale e Caccia al cibo, venerdì 8 e sabato 9, dalle ore 10 alle ore 18) mentre ragazzi e adulti hanno l’opportunità di partecipare alla visita guidata tattile alla ricostruzione tattile della tomba Lippi 40 e 40bis (Punti di vista. Il doppio senso dell’archeologia: scavare per ricostruire, sabato 9 dicembre ore 15).

Venerdì 8 dicembre alle ore 16 Il Museo del Territorio di Riccione invita i ragazzi da 8 a 14 anni a riflettere sulle tesi di Jared Diamond nel laboratorio gioco Armi, acciaio e la bellezza del pianeta terra.

Le proposte del Museo di Verucchio e del Museo di Riccione sono a titolo gratuito.

Il Festival crea anche opportunità di incontri per i giovani coinvolti in prima persona in progetti che guardano alla Domus del Chirurgo con occhi e linguaggi contemporanei.. Come nel caso del PROGETTO FOCUS ON ART, una mostra interattiva con zona shooting fotografico ambientato in epoca romana a cura di Andrea Montemaggi (Venerdi 8 e sabato 9, Museo della Città, dalle ore 15.30)

Attraversano il Festival interessanti e coinvolgenti proposte che le famiglie possono condividere. Percorsi sul filo della memoria come MEMORY URBANO (Sabato 9 dicembre, ore 10, presso FAR), un laboratorio di stampa in xilografia e disegno nell’ambito della mostra Xilografia che, attraverso la creatività e la magia della stampa, stimola la memoria collocando nella mente suggestioni, ricordi e storia della città.

E ancora sabato 9 (Museo della Città, ore 16) il workshop per ragazzi da 12 anni e adulti Una bellezza inesplorata. Le decorazioni inedite della domus del chirurgo.

Partendo dalla mostra dedicata alla pittura romana a Rimini, verranno brevemente illustrati materiali mai esposti, provenienti dalla domus del Chirurgo e da altre domus riminesi, nonché la ricerca che ne ha permesso la “riscoperta”. È l’occasione per approfondire la conoscenza di Eutyches, medico eccellente ma anche uomo colto e raffinato.

Le attività, ove non diversamente segnalato, si svolgono al Museo della Città (via L. Tonini, 1).

Sono richiesti prenotazione telefonica (tel 329.2103329 da lunedì a venerdì ore 9-13; sabato e domenica 0541.703851) e pagamento di una quota di partecipazione (4.00 €).

Prevendita presso il Museo della Città da venerdì 1 dicembre.

http://antico.comune.rimini.it

CONDIVIDI