Parma, Tirocini estivi in Comune

Studenti in Sala Consiglio - Parma90 giovani di scuole cittadine accolti dal sindaco in sala del consiglio comunale

PARMA – Sono 90, tra ragazze e ragazzi, gli studenti del IV anno di 9 scuole cittadine, fra Istituti e Licei, che saranno impegnati nei tirocini estivi in Comune. I ragazzi sono stati accolti questa mattina nella sala del Consiglio Comunale dal sindaco Federico Pizzarotti.

Sarà un’esperienza utile sia per voi ragazzi che per i dipendenti, un aiuto valido per le attività del Comune – ha precisato il primo cittadino, che ha dato il benvenuto ai nuovi tirocinanti. Siete chiamati al senso di responsabilità ed impegno quotidiano in un’attività che viene svolta a favore della comunità. Il Comune eroga servizi al cittadino a cui sarete chiamati a collaborare, nella consapevolezza che, anche grazie al vostro importante contributo, sarà possibile rispondere alle richieste della collettività” .

I giovani sono stati suddivisi in due gruppi: l’appuntamento per l’inizio dell’attività, per il primo gruppo di studenti, è previsto per lunedì 20 giugno. Il secondo gruppo prenderà servizio il 18 luglio.

Gli studenti saranno accompagnati nella loro esperienza da 10 coordinatori delle scuole e 30 tutor comunali, afferenti a diversi settori dell’ente.

Gli studenti trascorreranno un mese in Comune, impegnati in diversi ambiti dell’Amministrazione: servizi amministrativi, servizi tecnici, archivio, protezione civile, servizi educativi cultura, settore finanziario, risorse umane, edilizia e lavori pubblici, ambiente e sociale.

I ragazzi potranno quindi cimentarsi con tante attività complesse e differenziate, dall’archiviazione documentale all’organizzazione di eventi culturali e sportivi, dall’accoglienza del pubblico nelle biblioteche o nella Casa della Musica alla implementazione di banche dati, dalla dematerializzazione documentale alla redazione e analisi di cartografia del territorio comunale.

Sarà per molti il primo impatto con il mondo del lavoro, con i suoi orari da rispettare, con i rapporti fra colleghi da gestire, con gli impegni da assolvere. E l’occasione per imparare a conoscere i meccanismi della “macchina comunale”.

L’orario di lavoro è di 36 ore, i turni sono quelli dei dipendenti del servizio, le assenze vanno documentate, i permessi vanno concordati e recuperati e così via: una vera e propria “simulazione a tutto campo” dell’esperienza lavorativa in un’ottica di alternanza scuola-lavoro

Oltre all’attività lavorativa quotidiana e all’affiancamento “on the job” con il proprio tutor comunale, i ragazzi svolgeranno un percorso di formazione e inserimento a cura del Servizio Risorse Umane, che li seguirà dall’inizio alla fine del loro periodo di lavoro nell’ente. Il primo passaggio è questo incontro iniziale, cui seguirà un corso di formazione, un monitoraggio della propria esperienza, fino all’incontro conclusivo che si terrà, per tutti e due i gruppi, in settembre sempre qui in sala Consiglio

Per i tirocini estivi è inoltre prevista dalla legge la possibilità di erogare una borsa di studio: il Comune di Parma ha stabilito di erogare 300 euro mensili a ogni tirocinante.

Come si realizza questa esperienza:

Il Comune effettua una mappatura di disponibilità di accoglienza in tutti i suoi uffici e servizi, e segnala poi ad ogni scuola, i posti messi a disposizione cercando di armonizzare

la tipologia di lavoro con le caratteristiche formative della scuola. Le scuole infine, sulla base dei loro autonomi criteri, selezionano i ragazzi nei vari posti messi a disposizione.

I tirocini formativi rappresentano un’occasione per entrare in contatto con il mondo del lavoro e per comprendere il funzionamento della macchina comunale, i partecipanti saranno, infatti, impegnati in diversi ambiti dell’Amministrazione: servizi al cittadino, anagrafe e stato civile, protezione civile, servizi educativi cultura, settore finanziario, risorse umane, edilizia e lavori pubblici, ambiente.

Da quasi 25 anni il Comune di Parma, ogni estate, si avvale di questi giovani collaboratori, che, in modo volontario, scelgono di fare questa esperienza, che può valere loro come credito formativo, può essere riportata nel loro curriculum e soprattutto consente loro di essere parte attiva della Pubblica Amministrazione nella gestione dei servizi al cittadino.

Questo è possibile grazie a una forte sinergia tra comune e scuole, che rafforza la collaborazione e l’interscambio tra enti del territorio, all’interno di un programma di alternanza scuola-lavoro.

I tirocini estivi nel Comune di Parma si differenziano dagli altri tirocini che vengono gestiti nel corso dell’anno scolastico o accademico proprio perché sono una “simulazione a tutto campo” dell’esperienza lavorativa in un’ottica di alternanza scuola-lavoro: l’orario è di 36 ore, i turni sono quelli dei dipendenti del servizio, le assenze vanno documentate, i permessi vanno concordati e recuperati e così via. Le attività che si svolgono, pertanto, sono quelle tipiche dei servizi di assegnazione.