Parma, “Le cento e cento identità della donna” di Stanislao Farri

Martedì 29 novembre, alle 11,  inaugurazione della mostra nell’Atrio delle Colonne del Palazzo Centrale dell’Università. Resterà aperta fino al 17 dicembre

uniparmaPARMA – Sarà inaugurata martedì 29 novembre, alle ore 11, nell’Atrio delle Colonne del Palazzo Centrale dell’Università di Parma, la mostra fotografica “Le cento e cento identità della donna” di Stanislao Farri, alla presenza della Pro Rettrice dell’Ateneo Maria Cristina Ossiprandi.

L’iniziativa è organizzata dall’Ateneo nell’ambito del progetto congiunto “Con gli occhi delle donne”, promosso da Università di Parma e Comune di Parma per celebrare il settantesimo anniversario del suffragio femminile in Italia, in collaborazione con la Sezione Arte-Fotografia del CSU – Centro Sociale Universitario dell’Ateneo.

La mostra sarà aperta fino al 17 dicembre con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18, il sabato dalle 10 alle 12.

Scheda della mostra

«In tutte le fotografie ho curato l’aspetto tecnico, la ricerca attenta della luce e della “posizione” perché ritengo che una foto destinata alla stampa deve essere tecnicamente perfetta. La luce è l’anima della fotografia».

“Parma di Stanislao Farri”, Silva editore, 1990

Settanta anni fa le donne conquistarono il diritto al voto e, da allora, il protagonismo femminile nella società italiana è andato costantemente avanti.

Quella del dopoguerra fu una conquista cruciale, a lungo inutilmente attesa e per la quale le donne si erano battute per decenni, inascoltate.

Le immagini che vedremo in questa rassegna, ospitata nell’Atrio delle Colonne dell’Università degli Studi di Parma, consentono di seguire l’intero “corpus” creativo che Stanislao Farri, uno dei massimi esponenti della fotografia italiana e internazionale, dagli anni Quaranta ad oggi ha dedicato alla figura femminile.

Le donne fotografate dall’artista danno voce e memoria alle loro vite e disegnano un percorso ricco di sperimentazioni e scoperte, un suggestivo viaggio visivo nel quale gli scatti dialogano tra di loro.

Non si può più essere come si è, dopo aver ammirato le sue fotografie, perché con il suo occhio le immagini diventano pure emozioni dentro di noi.

Questa iniziativa, organizzata nell’ambito del progetto congiunto firmato da Università di Parma e Comune di Parma per celebrare il settantesimo anniversario del suffragio femminile in Italia denominato “Con gli occhi delle donne”, è un’altra straordinaria occasione, un’ulteriore conferma dell’affetto e amicizia che lega Farri a Parma e consolida un legame umano e di stima professionale che l’autore ha saputo costruirsi in città.