Parma, Giovani e famiglie “al Museo con Gusto”

Giovani e famiglie al Museo con Gusto

Primo incontro al museo della Pasta di Giarola nell’ambito della rassegna inclusa nel progetto “Crescere in Armonia, Educare al BenEssere”

PARMA –  E’ stata una scoperta nella scoperta quella che hanno avuto modo di fare i ragazzi e le famiglie che hanno partecipato alla visita del Museo della Pasta, alla Corte di Giarola, a Collecchio, attraverso il laboratorio del gusto e la conoscenza delle fasi legate alla lavorazione e produzione della pasta, partendo dal passato, per arrivare ai nostri giorni, in una cornice suggestiva come la Corte medievale di Giarola. Nell’ambito del progetto “Crescere in Armonia, Educare al BenEssere”, si è svolto al Museo della Pasta, nella Corte di Giarola, il primo degli incontri programmati, per il 2016, nell’ambito della rassegna “al Museo con gusto”. La visita al museo è stata condotta da Elena Hamisia di Esperta, mentre il laboratorio del gusto è stato coordinato da Roberta Mazzoni, responsabile didattica dei Musei del cibo.

L’iniziativa è rivolta ai bambini ed ai ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado ed ai loro genitori. Con i partecipanti anche la vicesindaco con delega alla scuola ed ai servizi educativi, Nicoletta Paci. “Si è trattato di un momento importante – ha spiegato Nicoletta Paci – inserito nell’ambito di una serie di iniziative, promosse dal Comune, per coinvolgere adulti e bambini in un percorso di scoperta degli alimenti tipici del nostro territorio e del senso del gusto in ambienti, come i Musei del Cibo della Provincia, che rappresentano senza dubbio gli scenari ideali per questo tipo di percorsi”.

“Crescere in Armonia Educare al BenEssere” è, infatti, un percorso di educazione-formazione per l’adozione di corretti stili di vita che si sviluppa attraverso una serie di iniziative volte ad incentivare e promuovere una nuova cultura sul tema del cibo e della nutrizione con un’attenzione particolare ai concetti della sostenibilità ambientale e tutela della biodiversità. Il progetto è reso possibile grazie alla collaborazione di Comune di Parma, Fondazione Golinelli, Associazione Parma Casa della Scienza, Università di Parma- Dipartimento di Bioscienze, Provincia di Parma-Ufficio Educazione Ambientale, Musei del Cibo, Associazione Googol, Movimento Decrescita Felice, Slow Food e Fruttorti. E’ realizzato grazie al contributo delle ditte di Ristorazione Scolastica, Camst e Serenissima

Dopo il Museo della Pasta, il prossimo appuntamento è in programma domenica 20 marzo, dalle 15.30 alle 17.30 al Museo del Parmigiano Reggiano di Soragna. Seguirà, domenica 17 aprile, dalle 15.30 alle 17.30, il Museo del Salame di Felino; per concludersi domenica 15 maggio, sempre della 15.30 alle 17.30, al Museo del Pomodoro nella Corte di Giarola.

Per partecipare l’iscrizione è obbligatoria: Ufficio IAT di Parma 0521218889, tutti i giorni dalle 9 alle 19.

La partecipazione è gratuita per i bambini e ragazzi che intendono partecipare, con un massimo di due accompagnatori a testa, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Il ritrovo è direttamente presso il vari Musei, per info: ufficio ristorazione del Comune di Parma, 0521 032835 – 0521 031740, www.comune.parma.it/servizieducativi