Parma, in Consiglio Provinciale il Ptpl e l’adeguamento dell’ex Tommasini per ospitare le cucine del Magnaghi

Consiglio provinciale ParmaIn Piazza della Pace è entrato il nuovo consigliere Pollastri, che sostituisce Bellini. Commemorati Ferrari e Scivoletto

PARMA – La seduta del Consiglio provinciale si è aperta ierimattina in Piazza della Pace con un minuto di silenzio in memoria dell’ex Vice Presidente dell’Ente Pier Luigi Ferrari, scomparso la settimana scorsa.

Quindi il consigliere Vescovi ha commemorato il prof. Scivoletto, scomparso nei giorni scorsi, eminente studioso dell’Università di Parma, fondatore della Facoltà di Sociologia e anche attivo sulla scena politica; è stato espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia.

Poi si è proceduto all’accertamento della decadenza del Consigliere Provinciale Gianni Guido Bellini, e alla convalida del nuovo Consigliere che lo sostituisce. Bellini, che era stato nella lista “Provincia Nuova” il 9 ottobre 2014, risulta decaduto per effetto della cessazione dalla carica di Consigliere Comunale di Traversetolo. Gli subentra il primo dei non eletti di quella lista, il consigliere comunale di Fidenza Luca Pollastri. A lui il benvenuto e gli auguri di buon lavoro del Consiglio, che ha votato la delibera all’unanimità.

Unanimità anche per il Regolamento della Commissione consultiva per l’autotrasporto (art. 3 della Legge regionale 9/2003) , illustrato dal dott. Fusco. La Commissione si riunisce una volta al mese e si deve esprimere su varie materie, tra cui il trasporto in conto proprio (rilascio autorizzazioni, trasferimento sede, ecc.). Il nuovo Regolamento ha l’obiettivo di snellire le pratiche.

E’ stata poi la volta delle linee strategiche e programmatiche del Programma Turistico di promozione locale (PTPL) 2017, redatto in base alla Legge regionale 7/98 e illustrato dal dott. Annoni. Si tratta di circa 200 mila euro, distribuiti sul territorio a beneficio della promozione turistica, Uffici Iat in primo luogo. Per quest’anno la Regione non ha ancora definito la cifra precisa che verrà messa a bando, ma si confermano le linee di attività, in vista della programmata definizione di un’Area vasta “Destinazione turistica”, che andrà a sostituire le Province nella gestione della materia. In attesa del passaggio di consegne, il Consiglio è chiamato a pronunciarsi sulle linee di attività per fare uscire i bandi e definire le graduatorie, mentre l’impegno di spesa sarà definito in seguito.

Conti auspica che la transizione di competenze sia veloce e propone di inserire tra le priorità anche i Castelli del Ducato e le Pievi romaniche, in modo che tali priorità trovino riscontro anche nei bandi. Bianchi propone anche l’aggiunta dei Parchi.

Le due integrazioni sono state accolte e la delibera emendata è stata approvata all’unanimità.

Il Consiglio ha anche preso atto della sentenza provvisoriamente esecutiva del Giudice di Pace di Parma che ha disposto il risarcimento dei danni di circa 3 mila euro a favore di una automobilista che su una strada provinciale ha investito un capriolo. Ha quindi approvato all’unanimità il riconoscimento della legittimità del debito fuori bilancio.

IL Presidente Fritelli, in quanto Sindaco di Salsomaggiore, è poi uscito dall’aula per la discussione dell’ultima delibera e il Consiglio è stato presieduto dal Consigliere anziano Moretti. In discussione i lavori di adeguamento ex Albergo Tommasini per i muovi locali messi a disposizione dell’IPSSAR Magnaghi in Salsomaggiore, in particolare la Convenzione tra la Provincia di Parma e il Comune di Salso per l’ampliamento degli spazi didattici, che sancisce modalità, tipo di lavori e finanziamento. Il dott. Annoni, illustrando la delibera, ha spiegato che l’Istituto Alberghiero ha superato i mille iscritti, con un’affluenza che va oltre ogni previsione. Per questo la Provincia ha recuperato a Parma città aule per il primo biennio, ma occorre anche ampliare gli spazi destinati alle lezioni pratiche nelle cucine per il triennio. Per questo si è individuato l’ex Tommasini, struttura già Inps ora di proprietà del Comune di Salsomaggiore, che l’ha concessa in comodato gratuito alla Provincia. La convenzione prevede investimenti del Comune, dalla Provincia e della Fondazione Cariparma per circa 800 mila euro. La Convenzione è stata approvata all’unanimità.