Parma: Servizio EcoWagon, bilancio positivo

Bilancio EcoWagonSi va verso l’introduzione di “Miniecostaion” in centro storico e Oltretorrente

PARMA –  Prosegue l’impegno dell’Amministrazione per migliorare la raccolta differenziata. L’assessore all’ambiente Gabriele Folli, assieme Rinaldo Orlandelli di Iren Ambiente, ha presentato questa mattina il bilancio dell’attività del servizo EcoWAgon a 7 mesi dalla sua attivazione. Il servizio, assieme alle Ecostation, è stato pensato per rendere flessibile il sistema di conferimento dei rifiuti al di fuori del calendario standard della raccolta distribuito da Iren, in modo da agevolare al massimo coloro che, per motivi legati a ferie, assenze o anche per semplice comodità, intendono conferire plastica – barattolame e rifiuto residuo agevolmente.

Il servizio EcoWagon si articola su 4 percorsi in centro storico e Oltretorrente con sosta di 25 minuti e due percorsi con sosta di due ore. Ha registrato, nel corso del tempo, un riscontro positivo passando da una media di 22 conferimenti giornalieri nei primi mesi, agli attuali 44.

Parma – ha ricordato l’assessore Folli – è la prima città capoluogo dell’Emilia Romagna in tema di raccolta differenziata: ha raggiunto il 72 %, con incentivi regionali che si aggirano sui 700 mila euro. Tutto questo ha permesso la riduzione media del 4,5 % del costo del servizio. Per le utenze non domestica la riduzione dei costi si aggira sul 7 %, dati in controtendenza rispetto al quadro nazionale”.

Il servizio EcoWagon è un servizio sperimentale svolto da mezzi con due vasche per il conferimento di plastica – barattolame e residuo e resterà attivo fino a che non verranno introdotte le “Miniecostation”. E’ questa la novità più rilevante annunciata dall’assessore Folli. Saranno simili alle Ecostation presenti oggi sul territorio, ma più piccole. Per avere accesso sarà necessario utilizzare la tessera sanitaria o la eco card (badge del gestore). Funzioneranno 24 ore su 24, e permetteranno lo smaltimento delle varie frazioni di rifiuto, compreso il residuo che verrà contabilizzato negli svuotamenti effettuati dai singoli fruitori al fine dell’applicazione della tariffazione puntuale.

I cittadini hanno la possibilità di dialogare con il gestore, Iren, attraverso diversi strumenti che vanno dal portale di riferimento alle App dedicate. L’assessore ha ricordato che nel periodo che va dal 27 aprile al 27 maggio di quest’anno ben 7.000 utenti sono entrati nel portale Iren e, coloro che ne fanno uso, spesso lo fanno a più riprese. Sul portale si possono trovare tutte le notizie utili per effettuare in corretto smaltimento dei rifiuti, compreso i costi della tariffazione puntuale in base agli svuotamenti effettuati, la situazione dello spazzamento delle strade e dei cestini, le segnalazioni inerenti anomalie nella fornitura dei servizi da parte di Iren, contenitori danneggiati, ed anche la prenotazione del servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti a domicilio. Si tratta di un servizio gratuito che basta prenotare per telefono, via mail, o sfruttando apposita App.

Per tutte le informazioni del caso è possibile fare riferimento a:

servizi.irenambiente.it

clickiren.gruppoiren.it