Pari opportunità, il Comune di Rimini partecipa al bando regionale per il contrasto alla violenza di genere

RIMINI – Il Comune di Rimini partecipa al bando che la Regione Emilia Romagna ha promosso per il sostegno di progetti rivolti alla promozione delle pari opportunità e al contrasto delle discriminazioni e della violenza di genere, portati avanti dagli Enti locali e del mondo dell’associazionismo e del volontariato.

Il bando, per il quale la Regione ha stanziato complessivamente un milione di euro per le annualità 2016 e 2017, rispecchia la consapevolezza che l’intero territorio regionale e le sue istituzioni hanno rispetto alla necessità di un intervento forte su una problematica complessa, che si concretizza attraverso differenti azioni prioritarie: dall’immediato sostegno alla rete di protezione (gli sportelli di ascolto, ospitalità in emergenza) alla formazione delle operatrici, passando per l’indispensabile attività di educazione dei giovani ad una cultura di non discriminazione e di superamento degli stereotipi.

“Azioni che sono necessarie e prioritarie, anche alla luce delle continue violenze nei confronti delle donne di cui abbiamo notizia ormai quotidianamente – sottolinea il Vicesindaco Gloria Lisi – Dobbiamo affrontare le emergenze e, contemporaneamente, consolidare un lavoro informativo e educativo rivolto ai giovani affinchè il futuro sia fatto di libertà, rispetto e valorizzazione delle differenze. Le azioni previste nel bando sono tutte importanti e proprio per questo la partecipazione è composta da tanti soggetti in grado di garantire sinergicamente il conseguimento degli obiettivi previsti. Capofila sarà l’associazione Rompi il silenzio”.