Oltre 100 Studenti al lavoro sulle questioni europee

Studenti MepA Modena da lunedì 14 marzo i lavori sessione regionale del Model European Parlament. L’assessore Gianpietro Cavazza alla cerimonia di apertura

MODENA – Lunedì 14 marzo, con la cerimonia d’apertura in programma alle 10 all’Auditorium I.I.S. Corni, prende il via a Modena la sessione regionale del Model European Parlament di Emilia Romagna e Toscana. Sarà il vicesindaco e assessore a Cultura, Rapporti con l’Università e Scuola Gianpietro Cavazza ad aprire i lavori che proseguiranno con gli interventi dei dirigenti scolastici e nelle Commissioni che si svolgeranno durante il pomeriggio e nella mattinata di martedì 15 al Liceo San Carlo e a Nuova Didactica Confindustria.

Per alcuni giorni oltre un centinaio di ragazzi assumeranno il ruolo e la responsabilità dei deputati del Parlamento europeo e vestendo i panni degli europarlamentari lavoreranno sui temi al centro dell’agenda europea. Nelle Commissioni discuteranno per esempio della situazione nel Mediterraneo e della necessità di un approccio globale dell’Unione in materia di immigrazione; dell’esportazioni di armi; dei problemi giuridici ed etici nell’uso dei droni armati per scopi militari; della prevenzione del reclutamento di giovani cittadini europei da parte delle organizzazioni terroristiche e dell’evoluzione dell’aiuto umanitario come della promozione dello spirito imprenditoriale nei giovani.

Infine, la sessione plenaria del Mep si svolgerà venerdì 18 marzo alle 9 nella sala consiliare del Municipio di Modena dove, dopo i saluti della presidente del Consiglio Francesca Maletti, interverrà Laura Gavioli del Dipartimenti di Studi Linguistici e Culturali dell’Università di Modena e Reggio Emilia sul tema “Costruire la cittadinanza democratica attraverso le forme del dibattito parlamentare”.

La sessione regionale di simulazione del Parlamento Europeo, organizzata dalla Rete Mep di Emilia-Romagna e Toscana, si svolge tra Carpi e Modena; complessivamente 12 le scuole partecipanti, di cui quattro di Modena: l’istituto Corni, il liceo scientifico Tassoni, il liceo classico San Carlo, l’istituto tecnico per Attività Sociali Selmi; oltre al Luosi di Mirandola, al liceo Fanti e al Meucci di Carpi. Gli studenti che parteciperanno in qualità di delegati sono 110 suddivisi in otto commissioni di lavoro e attualmente frequentano il terzo anno. Saranno inoltre presenti 16 del quarto anno in qualità di presidenti di commissione e 10 studenti universitari in qualità di staff organizzativo della sessione.