Nuovi varchi Icarus: nell’ultimo mese di sperimentazione transiti irregolari ridotti del 20%

La fase sperimentale si concluderà il 1 maggiocomune di Cesena logo

CESENA – Gli automobilisti cesenati stanno progressivamente abituandosi ai tre nuovi varchi Icarus, istituiti il 1 febbraio all’imbocco di via Braschi, in corso Garibaldi all’incrocio con vicolo Montanari (zona teatro Bonci) e in via Mura Federico Comandini. A testimoniarlo la flessione che si evidenzia esaminando i dati relativi all’ultimo mese di sperimentazione. Infatti, mentre lunedì 7 marzo (giorno preso a campione per la verifica della regolarità del sistema) i transiti irregolari rappresentavano circa il 45% del totale, venerdì 1 aprile – vale a dire un mese dopo – la percentuale era scesa al 32%.

Nel corso del primo mese di sperimentazione, il maggior numero di ingressi non autorizzati (varie decine ogni giorno) si è registrato nel varco di via Braschi, dove fino a poche settimane prima l’accesso era libero. Gli altri due nuovi varchi, invece, hanno registrato, in media, ogni giorno una decina di transiti irregolari a testa, ma entrambi facevano parte già da tempo della ztl e, dunque, il divieto era già consolidato.

“Sappiamo che ci vuole del tempo per metabolizzare le novità – commentano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Mobilità Maura Miserocchi – e proprio per questo, oltre che per favorire la comunicazione ai residenti ed a chi ha la necessità di organizzare la richiesta del permesso, abbiamo scelto di protrarre la fase sperimentale delle nuove postazioni Icarus per tre mesi (anziché i 30 giorni indicati). Ma già la tendenza registrata nell’ultimo mese è incoraggiante: se il 7 marzo in via Braschi si sono contati 99 transiti irregolari, il 1 aprile erano scesi del 20%, assestandosi a quota 79. E anche negli altri due varchi i passaggi irregolari si sono ormai assestati a un livello che potremmo definire fisiologico. Un risultato ottenuto anche grazie all’impegno della Polizia Municipale, che ha garantito presenze assidue ai varchi, non solo per ha verificare i transiti, ma soprattutto per dare le informazioni necessarie ai residenti e interessati all’accesso”.

Nel frattempo, sono stati eseguiti approfonditi test sull’impianto per verificarne il corretto funzionamento tecnico e la sua integrazione nel sistema gestito dalla Polizia Municipale.

La fase sperimentale si concluderà il 1 maggio, e dal 2 maggio anche le telecamere dei nuovi tra varchi Icarus cominceranno a sanzionare i transiti scorretti.