Nuove location per il set del film “Ci vuole un fisico”

Tra lunedì 24 e martedì 25 ottobre chiuso temporaneamente un tratto di largo Garibaldi e divieti di sosta in piazzale Tien An Men e piazzale Risorgimento

MODENA – Si sposta il set del film “Ci vuole un fisico” di Alessandro Tamburini le cui riprese sono in corso a Modena in questi giorni.

Nella giornata di lunedì 24 verrà girata una scena in movimento tra le vie Fontanelli, Berengario, Emilia Ovest, Barozzi, Riccoboni, Tassoni, Sant’Agostino, Emilia centro, Porta Bologna. Le riprese non comporteranno sospensioni della circolazione stradale, mentre per consentire il posizionamento dei mezzi della produzione (sartoria, camerini e attrezzature) dalle 15 alle 24 sarà vietata la sosta nell’area dell’ex distributore in piazzale Tien An Men, tra viale Monte Kosica e il primo ingresso dello Stadio Braglia.

Nel pomeriggio di martedì 25 ottobre, location delle riprese sarà largo Garibaldi: la corsia a sud, nel tratto compreso tra viale Trento Trieste e via Fabrizi, verrà chiusa alla circolazione dalle 17.30 alle 20.30. Gli automobilisti potranno raggiungere via Fabrizi percorrendo via Menotti, via Castiglioni (o via Tagliazucchi) e viale Reiter, da cui sarà possibile attraversare largo Garibaldi. Per gli autobus, che transitano invece nella corsia a nord, non sono previsti spostamenti di fermate. In serata il set si sposterà in piazzale Risorgimento: i mezzi della produzione occuperanno la zona del piazzale a ridosso del monumento, dove sarà vietata la sosta dalle 20 alle 24.

La Polizia municipale raccomanda attenzione alla segnaletica appositamente collocata nelle aree interessate dalle riprese, che potranno portare qualche piccolo disagio ma rappresentano una nuova occasione per accendere i riflettori sulla città.

Il lungometraggio è prodotto da Csc Centro sperimentale cinematografia Production e si avvale dei contributi del Mibact (Ministero dei Beni e delle attività culturali e turismo) per le opere prime, e della Regione Emilia – Romagna dal bando 2016 per il sostegno alla produzione di opere audiovisive realizzate sul territorio regionale.