Modenapark: tutti gli aspetti definiti dal piano mobilità

Parcheggi per 45 mila auto, gli itinerari pedonali verso la zona concerto e la gestione dei flussi da e verso la stazione ferroviaria. Niente bus sabato 1 luglio

Municipio-Comune-ModenaMODENA – Oltre all’individuazione dei percorsi sovracomunali da caselli alternativi consigliati per arrivare a Modena, il Piano mobilità Modenapark definisce diversi altri aspetti, ad esempio l’area verde pedonale, limitrofa al concerto, dove il divieto di circolazione partirà alle 19 di venerdì 30 giugno e sarà attivo fino alle 7 di domenica 2 luglio (la mappa dell’area verde è già pubblicata da qualche giorno sul sito del Comune www.modenapark.comune.modena.it).

I lavori di allestimento, però, inizieranno già nel pomeriggio di venerdì e gli orari, come annunciato nelle scorse settimane, potranno essere ampliati o modificati in prossimità dell’evento sulla base delle necessità dettate dagli organi di Pubblica sicurezza.

Nel Piano sono elencati i 22 parcheggi ufficial per una capienza totale stimata di oltre 45 mila auto, più di 1000 moto, circa 400 camper e circa 500 pullman. Saranno aperti almeno dalla mezzanotte tra venerdì 30 giugno e sabato 1 luglio e fino alle 16 di domenica 2 luglio. Ma diversi hanno già attivato la possibilità di prenotazioni anche a partire dal giorno precedente.

Tra i parcheggi ufficiali e l’area del concerto sono stati delineati percorsi pedonali, in gran parte sviluppati su itinerari ciclabili, ciclopedonali o zone 30, e che in alcuni casi richiederanno la chiusura al traffico veicolare di tratti di strada (a eccezione dei mezzi di soccorso e dei residenti). Sui percorsi saranno presenti i volontari della Protezione civile.

E’ previsto uno specifico piano di gestione dei flussi di pedoni da e verso la Stazione dei treni e all’interno dell’area stessa della stazione, sono state predisposte due aree gratuite per la sosta di veicoli dotati di contrassegno disabili (sia alla Caserma Pisacane, area Passo Mecan, sia in piazza Novi Sad sull’anello esterno) e sempre nell’area di piazza Novi Sad, attorno al parco archeologico, sarà organizzato un parcheggio per biciclette con la possibilità di legare i mezzi a strutture che verranno predisposte per l’occasione.

Sabato 1 luglio in città non circolareranno i bus. Viene prevista, infatti, la sospensione del trasporto pubblico dalle 21 di venerdì 30 giugno alle 7 di domenica 2 luglio su tutto il territorio comunale per l’impossibilità di garantire regolarità e sicurezza dei transiti. Sono stati definiti inoltre percorsi di emergenza predisposti dalla Polizia municipale in accordo con l’Ausl e le Forze dell’Ordine, percorsi di deflusso dai parcheggi e la gestione del traffico a cura della Polizia municipale.