“Modena viaemiliadocfest”: Cinema e carcere, 3 film e un dialogo

Venerdì 11 novembre all’Astra “Dustur” di Santarelli e “Ninna nanna prigioniera” di Schillaci; sabato 12 alla Truffaut “Fiore” di Giovannesi e l’incontro “Il cielo in una stanza”

MODENA – La vita delle detenute madri con i loro bambini, sogni e amore di chi finisce in un carcere minorile, i corsi che si svolgono all’interno e le riflessioni che ne nascono Ci sarà il carcere al centro del focus del Modena viaemili@docfest 2016, che coinvolge importanti registi itadusturliani in un approfondimento su un tema spesso poco discusso e conosciuto da chi non vive – da famigliare, addetto ai lavori, operatore, volontario – la realtà della detenzione.

Venerdì 11 novembre doppio appuntamento al cinema Astra: alle 16.30 “Dustur” di Marco Santarelli racconta l’esperienza di un gruppo di detenuti al corso scolastico organizzato nella biblioteca del carcere di Dozza sulla Costituzione Italiana in dialogo con primavere arabe e tradizioni islamiche. Il film ha vinto lo Youth Award a Parigi, il premio Occhiali di Ghandi e il premio Avanti al Torino Film Festival.

A seguire, alle 18, “Ninna nanna prigioniera” di Rossella Schillaci, presente in sala per dialogare col pubblico dopo la proiezione. Con il racconto della quotidianità vissuta da Jasmine e dai suoi due bimbi di pochi anni e pochi mesi, il film affronta il tema del carcere e della materninna-nanna-prigioniera-di-rossella-schillacinità, e la scelta che le detenute madri devono affrontare: crescere i propri figli tra le sbarre o lasciarli liberi ma senza le loro cure. Sabato 12 alle 9.30 alla Truffaut si proietta “Fiore” di Claudio Giovannesi, presentato al Festival di Cannes 2016, con Valerio Mastandrea e l’esordiente Daphne Bonori che interpreta una giovanissima detenuta in un carcere minorile.

fiore-di-claudio-giovannesiA seguire, l’incontro aperto al pubblico “Il cielo in una stanza – il carcere narrato dal cinema”, coordinato da Leonardo Gandini, docente di Storia del cinema all’Università di Modena e Reggio Emilia e con la partecipazione dei registi Rossella Schillaci, Claudio Giovannesi e Marco Santarelli.

Tutte le proiezioni sono a ingresso libero (esclusa l’anteprima del 9 novembre). Informazioni, news e programma sono sul sito (www.modenaviaemiliadocfest.it), su Facebook “Modena viaemiliadocfest” e su Instagram “modenaviaemiliadocfest”.