Modena, messa e concerto per il compatrono Sant’ Omobono

SANT'OMOBONODomenica 15 novembre le celebrazioni nella chiesa della B. V. delle Grazie: corteo autorità, banda cittadina e messa alle 11.30; alle 16 il concerto del coro San Lazzaro

MODENA – Domenica 15 novembre Modena festeggia il suo compatrono Sant’Omobono nella chiesa della Beata Vergine delle Grazie in via Sant’Agostino 40 (sede della Confraternita di San Geminiano). La chiesa ospita al mattino alle 11.30 la messa alla presenza delle autorità cittadine; nel pomeriggio alle 16 un concerto del coro folk San Lazzaro per iniziativa del Comune e del Comitato “Messa degli Artisti”.

Alle 10.40 le autorità saranno ricevute dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli e dalla presidente del Consiglio comunale Francesca Maletti nella Sala del Vecchio Consiglio di Palazzo comunale in piazza Grande. Quindi da piazzetta delle Ova parte il corteo verso la chiesa con il Gonfalone della Città, la banda cittadina “Andrea Ferri” e figuranti. La messa alle 11.30, celebrata da don Federico Pigoni, vicario episcopale per la pastorale, sarà accompagnata da canti e musica sacra eseguiti dalla corale “Puccini” di Sassuolo, con l’organista Simone Guaitoli, Irene Monari alla tromba e la soprano Yoriko Okai diretti dal maestro Francesco Saguatti. Nel programma, musiche di Lecot, Rachmaninov, Miserachs e Saguatti.

Alle 16, la chiesa ospiterà il concerto del Coro folk di San Lazzaro, diretto dal maestro don Ezio Nicioli, che lo fondò nel 1980, e da Veronica Zampieri (soprano), con Simone Guaitoli al piano, Giorgio Avanzi alla fisarmonica, Maurizio Maffoni e Vittorio Rimini alle chitarre. Presenterà Franca Lovino, che sarà anche voce recitante. In programma canti popolari del Madagascar e composizioni di Mozart, Händel, Bepi de Marzi, Rossini, Frank, Somma e un canto di Taizè.

Nato a Cremona nel XII secolo, Omobono fu sarto e mercante di stoffe, famoso perché utilizzava i guadagni del suo lavoro per aiutare i poveri e i bisognosi. Morto durante la messa del 13 novembre 1197 nella sua parrocchia di sant’Egidio, è stato santificato due anni dopo, nel 1199, da papa Innocenzo III. Il giorno del calendario dedicato a S. Omobono, il 13 novembre, fu il primo a Modena senza vittime della terribile peste del 1630. Il compatrono è anche protettore dei sarti e dei mercanti.